Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
19 GENNNAIO 2020
Scienza e Farmaci
ATTENZIONE: Mancano soltanto -18 giorni alla fine del
triennio ECM 2017-2019. Clicca qui per saperne di pił...
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Ictus e malattie cerebrovascolari: ecco come prevenirle. Arriva il documento congiunto di Ministero, società scientifiche e associazioni 
Redatto dall’Alleanza Italiana per le malattie cardio-cerebrovascolari. Si tratta di un testo di carattere scientifico ed evidenced based che affronta la tematica della prevenzione delle malattie cerebrovascolari, con particolare riferimento all’ictus. Il documento focalizza l’attenzione sugli elementi cardine della prevenzione primaria quali il contrasto ai principali fattori di rischio e la promozione di stili di vita salutari, andando a considerare gli aspetti peculiari delle diverse età e del periodo della gravidanza. IL DOCUMENTO
10 DIC - Non fumare, mangiare sano, non eccedere con l’alcol, svolgere una regolare attività fisica, tenere sotto controllo il peso, ma non solo, suggerimenti su quando chiamare il medico e su come comportarsi quando si hanno condizioni cliniche a rischio. Queste alcune indicazioni e suggerimenti e non solo per prevenire le malattie cerebrovascolari che sono contenuti nel documento Prevenzione delle malattie cerebrovascolari lungo il corso della vita prodotto dai lavori dell’Alleanza Italiana per le malattie cardio-cerebrovascolari, patto volontario finalizzato al contrasto delle patologie cardio e cerebrovascolari sottoscritto tra Ministero della salute, Società scientifiche, Associazioni dei pazienti e altri Enti operanti nel settore.
 
Si tratta di un testo di carattere scientifico ed evidenced based che affronta la tematica della prevenzione delle malattie cerebrovascolari, con particolare riferimento all’ictus. Il documento focalizza l’attenzione sugli elementi cardine della prevenzione primaria quali il contrasto ai principali fattori di rischio e la promozione di stili di vita salutari, andando a considerare gli aspetti peculiari delle diverse età e del periodo della gravidanza. Vengono inoltre illustrati i principali aspetti della prevenzione delle recidive di malattia vascolare cerebrale.
 
Le malattie cerebrovascolari sono la seconda causa di morte e la terza causa di disabilità a livello mondiale oltre a essere responsabili di circa un decimo degli anni persi per morte prematura o disabilità. Sono anche responsabili di un considerevole carico sociale (burden) per il paziente e i familiari che lo assistono. Con l’invecchiamento della popolazione si prevede nel tempo un incremento sia dell’incidenza totale dell’ictus, che è la manifestazione clinica di gran lunga più frequente tra le malattie cerebrovascolari, sia del carico sociale conseguente alla disabilità post ictus.

I principali fattori di rischio:
- Tabagismo
- Sedentarietà/scarsa attività fisica
- Consumo rischioso e dannoso di alcol
- Scorretta alimentazione (ricca di grassi saturi e/o sodio e/o povera di verdure, frutta e pesce e/o caratterizzata da un apporto calorico inadeguato rispetto al fabbisogno energetico)
- Sovrappeso ed obesità
- Ipertensione arteriosa
- Dislipidemie
- Intolleranza al glucosio
- Diabete
- Fibrillazione atriale
- Sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (OSAS)
- Uso di contraccettivi orali
- Terapia ormonale sostitutiva
 
L’importanza della prevenzione primaria.
“La prevenzione primaria – si legge -  è l’arma più importante per contrastare le malattie cardio-cerebrovascolari. E’ indispensabile intervenire lungo tutto il corso dell’esistenza (approccio life-course), per assicurare a ogni bambino un buon inizio, per prevenire comportamenti non salutari durante l’infanzia e l’adolescenza, per ridurre il rischio di insorgenza delle citate patologie nell’adulto, nonché per arrivare a un invecchiamento sano e attivo. Per la prevenzione primaria delle malattie cerebrovascolari è fondamentale, altresì, gestire adeguatamente l’eventuale presenza di condizioni patologiche che aumentano il rischio di ictus (ipertensione arteriosa, dislipidemie, diabete mellito, fibrillazione atriale), anche attraverso le opportune terapie laddove non siano sufficienti gli interventi comportamentali”.
 
Adozione di stili di vita salutari
Non fumare o cessare il consumo di prodotti del tabacco ed evitare l’esposizione al fumo passivo. Le evidenze scientifiche hanno dimostrato che il ricorso a un sostegno professionale può aumentare le probabilità di smettere di fumare. Le strategie che si sono dimostrate efficaci sono: 1) il consiglio del medico; 2) l’intervento strutturato degli infermieri; 3) il counseling individuale; 4) la terapia di gruppo; 5) la terapia farmacologica.
 
Evitare il consumo rischioso e dannoso di alcol. Pur non esistendo una quantità di alcol da bere sicura per la salute e tenendo presente che l’unica tutela realmente efficace è non berne, il consumo non dovrebbe mai superare le 2 Unità Alcoliche (U.A.) al giorno per i maschi di età compresa tra i 18 e i 65 anni, 1 U.A./die per le femmine di età superiore a 18 anni e per gli ultra65enni (maschi e femmine), dove 1 U.A. è pari a 12 grammi di alcol puro, che corrispondono a 330 ml di birra a 4,5°, oppure a 125 ml di vino a 12° oppure a 40 ml di superalcolico a 40°. Minorenni e donne in gravidanza e allattamento non devono assolutamente consumare bevande alcoliche.
 
- Seguire una corretta alimentazione, varia ed equilibrata. In particolare occorre prestare attenzione agli aspetti di seguito riportati:
 
Garantire un apporto calorico alimentare adeguato rispetto al fabbisogno energetico. 
 
Prediligere il consumo di verdura e frutta, cereali, pesce, acidi grassi insaturi (come l’olio extravergine di oliva) e limitare l’assunzione di acidi grassi saturi e trans: contribuiscono alla riduzione del peso corporeo, della colesterolemia e della glicemia (1-Mente A 2009; 2-Sofi F 2010; 3-Estruch R 2013).
 
Ridurre il consumo eccessivo di sale. L’OMS raccomanda agli adulti di assumerne meno di 5 grammi al giorno (corrispondenti a 2 grammi di sodio/die), mentre ai ragazzi tra i 2 e i 15 anni di attenersi a valori più bassi (4-WHO 2012). Ridurre l’introito di sale ha molteplici vantaggi: dalla riduzione dei valori pressori (5-Elliott P 1996; 6-He FJ 2013), evidente soprattutto in alcune categorie (anziani, diabetici, dismetabolici, nefropatici) (7-Suckling RJ 2016), alla riduzione degli eventi cardiovascolari (8-He FJ 2011; 9-Taylor RS 2011).
 
In ambito alimentare si segnala, inoltre, che il consumo di cacao in piccolissima quantità (in forma di bevanda o cioccolatino, contenente almeno il 70% di cacao), e di tè, sia verde che nero, noci e mandorle è benefico, probabilmente in ragione dell’elevato contenuto in polifenoli (11- Ferri C 2015). Per quanto riguarda il caffè, se da una parte ne sono ben riconosciuti gli effetti pressori e aritmogenici acuti, nel lungo termine sembrerebbe avere – come indicano, sia pur in modo controverso diversi studi epidemiologici e clinici – effetti protettivi, anche di tipo metabolico (12- Ding M 2014; 13-Palatini P 2015; 14-Palatini P 2007; 15-Palatini P 2016; 16- Palatini P 2009), forse dipendenti sia dalla quantità, che non dovrebbe mai eccedere le 3-4 tazzine al giorno, sia dalla deleteria abitudine di consumarlo dopo addizione di zucchero sia, infine, del corredo genetico individuale, che può modulare la velocità di metabolizzazione della caffeina.
 
- Svolgere attività fisica regolare e adeguata. Nelle recenti linee guida delle Società Europea di cardiologia e dell’ipertensione arteriosa, in ragione dell’evidente legame tra movimento fisico e riduzione degli eventi cardio-cerebrovascolari, vengono raccomandati almeno 30 minuti di attività fisica moderata aerobica (camminata, corsa, bicicletta, nuoto) per 5-7 volte alla settimana o, alternativamente un’attività fisica intensa 2-3 volte alla settimana. Più limitati e controversi, invece, sono i dati sulla pratica di attività fisica di tipo isometrico. Una costante e regolare attività fisica promuove la riduzione del peso corporeo e il corretto equilibrio glicometabolico ed è associata a riduzione della frequenza cardiaca, miglioramento della rigidità arteriosa e riduzione pressoria.
 
 
- Mantenere/perseguire un peso corporeo ottimale. Si considera normopeso un soggetto con IMC tra 18,50 e 24,99 kg/m2 e con circonferenza vita
<94 cm per gli uomini e ><80 cm per le donne. Il controllo del peso corporeo può, tra l’altro, ridurre significativamente i livelli plasmatici di colesterolo totale e LDL, specialmente nei soggetti obesi.>
 
 
Raccomandazioni per il paziente.
 
Quando chiamare il medico: se senti un ritmo irregolare, capogiro o debolezza, senso di costrizione o dolore al petto; affanno, gonfiore agli arti inferiori
 
Quando chiamare il 112: palpitazioni con affanno, intorpidimento, formicolio, perdita di sensibilità al viso e/o alle braccia e/o alle gambe, visione doppia, difficoltà nel parlare o nella comprensione delle parole altrui, senso di vertigine, perdita d’equilibrio o perdita dei sensi
10 dicembre 2019
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
79590