Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 16 SETTEMBRE 2019
Scienza e Farmaci
ATTENZIONE: Mancano soltanto 106 giorni alla fine del
triennio ECM 2017-2019. Clicca qui per saperne di pił...
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Parrucchiere “alleato” del dermatologo
Poiché i parrucchieri vedono la testa e la pelle del collo di un cliente in modo ravvicinato e particolare, sono in grado di individuare macchie insolite o cambiamenti che potrebbero essere ricondotte a un melanoma. È quanto emerge da uno studio condotto in USA e pubblicato dal Journal of the American Academy of Dermatology
02 AGO - (Reuters Health) – Suephy Chen e colleghi, della Emory University di Atlanta, hanno sottoposto a un sondaggio gli hair stylist di 15 saloni che si trovavano nel raggio di 48 km da Emory nell’autunno 2017 e hanno ricevuto 229 indagini complete da 12 saloni. Ai professionisti del capello è stato chiesto se avessero mai controllato i clienti per accertare la presenza di lesioni cutanee, se avessero ricevuto da un cliente una richiesta di questo tipo o se avessero inviato un cliente a un medico per un neo anomalo.
 
L’indagine mirava anche a conoscere le ragioni per cui i parrucchieri potrebbero non ricercare lesioni cutanee, se debbano essere formati su come rilevare un tumore della pelle e sul modo migliore per organizzare un training che miri a questo obiettivo. Tra coloro che hanno risposto, l’82% era di sesso femminile. Il team di ricerca ha riscontrato che il 93% dei parrucchieri desidera saperne di più sul rilevamento di un tumore della pelle e il 73% ritiene che i parrucchieri dovrebbero ricevere una formazione su come rilevare un tumore della pelle.

Meno di un quarto degli hair stylist ha ricevuto una richiesta da parte di un cliente di ricercare lesioni cutanee, mentre più della metà ha invitato un cliente ad andare dal medico per controllare un neo anomalo. Circa il 40% ha dichiarato di aver verificato raramente o mai la presenza di lesioni cutanee.
Nel complesso, i parrucchieri hanno spiegato che le ragioni principali per cui non ricercano le lesioni sono: la mancanza di training, la mancanza di formazione sul riconoscimento delle lesioni e il disagio nel parlare di tumori della pelle con i clienti.

“Diversi pazienti sono venuti da me dicendo che il parrucchiere o barbiere aveva fatto loro notare un neo o una lentiggine, quindi desideravano prendere un appuntamento, e almeno sei hanno ricevuto diagnosi di melanoma del cuoio capelluto da questa esperienza”, dice Neda Black del Comprehensive Dermatology Center di Pasadena, California, non coinvolta nello studio.
“Il mio primo paziente è stato un trentenne che si era appena sposato”, ha raccontato Balck. “Siamo riusciti a curarlo, ma se il suo parrucchiere non l’avesse notato l’anomalia sarebbe morto”.

Fonte: Journal of the American Academy of Dermatology 2019
 
Carolyn Crist
 
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)
02 agosto 2019
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
76323