Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
ATTENZIONE: Mancano soltanto 74 giorni alla fine del
triennio ECM 2017-2019. Clicca qui per saperne di pił...
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Dieta povera e fragilità degli anziani
I risultati di uno studio condotto su anziani statunitensi dimostrano che una dieta di bassa qualità favorisce la fragilità. Un ruolo fondamentale è giocato dall’assunzione di proteine, sia vegetali, sia animali, perché mantengono la massa muscolare e la forza
26 LUG - (Reuters Health) – Quando le persone anziane seguono una dieta di scarsa qualità, vedono aumentare il rischio di diventare fragili. Sul rapporto tra dieta e fragilità nella popolazione anziana ha indagato uno studio olandese.
 
I ricercatori – guidati da Linda Milou Hengeveld, della Vrije Universiteit di Amsterdam – hanno seguito 2.154 anziani statunitensi per quattro anni. All’inizio, i partecipanti avevano un’età compresa tra i 70 e gli 81 anni.
 
Sono stati classificati “robusti” se non sembravano avere problemi cognitivi o problemi di fragilità fisica, o “pre-fragili” se avevano uno o due sintomi di fragilità. Complessivamente, 277 partecipanti sono diventati fragili.  E tra i 1.020 che hanno iniziato in buone condizioni, 629 sono diventati fragili o pre-fragili.
 
Le persone con diete di scarsa qualità hanno fatto registrare quasi il doppio delle probabilità rispetto a quelle con diete di alta qualità di diventare fragili e una dieta di media qualità è stata associata a un rischio di fragilità del 40% più elevato.
 
“Una dieta di buona qualità può ridurre il rischio di fragilità – afferma l’autrice principale dello studio– Si ipotizza che anche l’assunzione di proteine possa essere importante per ridurre il rischio di fragilità, perché un apporto proteico sufficiente è importante per rallentare la perdita di massa muscolare e di forza che si verifica con l’invecchiamento”.
 
Una minore assunzione di proteine vegetali è stata associata a un rischio più elevato di persone “robuste” che sviluppavano “fragilità”, ma non è sembrato influenzare lo sviluppo della fragilità totale.
 
Non vi è stata alcuna differenza significativa nel rischio di fragilità in base all’assunzione totale di proteine, all’apporto di proteine animali o alle calorie totali consumate.
 
“La prevenzione della fragilità probabilmente dipende dal tipo di proteina (che può essere animale o vegetale) – continua Henveveld – Anche se non è certo che un maggiore apporto proteico impedisca lo sviluppo di fragilità, un adeguato apporto proteico è importante per mantenere la massa muscolare e la forza nelle persone anziane”.
 
Per essere considerati fragili, i partecipanti dovevano avere almeno tre di questi cinque problemi di salute: perdita di peso involontaria di oltre il 5% del loro peso corporeo negli ultimi 12 mesi; debolezza della presa della mano o troppo dolore alle articolazioni per completare questa valutazione; fatica quotidiana; bassa velocità di camminata e inattività fisica.
 
La qualità della dieta è stata misurata con questionari sulla frequenza alimentare che hanno valutato se le abitudini alimentari rispecchiassero le raccomandazioni per una dieta equilibrata, le calorie totali e l’assunzione totale di proteine.
 
Fonte:J Am Geriatr Soc 2019
 
Lisa Rapaport
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science )
26 luglio 2019
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
76129