Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
ATTENZIONE: Mancano soltanto 74 giorni alla fine del
triennio ECM 2017-2019. Clicca qui per saperne di pił...
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Sla. I parenti di primo grado sono più a rischio
Uno studio irlandese fornisce nuove e importanti evidenze sulla Sla. Un team del Trinity College di Dublino, sulla base dei dati contenuti nel registro Sla irlandese, è riuscito a stabilire i tassi di concordanza della patologia all’interno dei nuclei familiari che presentavano lo stesso gene. L’ereditarietà massima è stata evidenziata nella linea madre-figlia
24 LUG - (Reuters Health) – Il rischio di sviluppare la sclerosi laterale amiotrofica (Sla) è più elevato nei parenti di primo grado dei pazienti rispetto alla popolazione generale. “I fattori genetici e non genetici contribuiscono in egual misura al rischio di sviluppare la Sla – spiega Marie Ryan del Trinity College di Dublino, autrice principale dello studio – Il fatto che il 50% del rischio sia riscontrato all’interno dei nostri geni supporta la nostra continua ricerca dei molti geni interagenti che contribuiscono alle cause della Sla”.

Lo studio
Il team di Ryan ha utilizzato i dati del registro Sla irlandese per determinare l’entità dell’ereditabilità della patologia (la percentuale di varianza nel rischio di sviluppare la Sla spiegata da fattori genetici) e per valutare l’associazione del sesso con la trasmissione della malattia.
L’incidenza della Sla, che è stata in media di 3,1 per 100.000 persone, non è cambiata significativamente tra il 1995 e il 2017. Durante questo intervallo, l’incidenza media annuale specifica per maschio è stata dell’1,8 per 100.000 persone e l’incidenza annuale media specifica per femmina è stata dell’1,3 per 100.000.

L’attuale rischio a vita di Sla, corretto per la mortalità per altre cause, è di 1 su 347 per gli uomini e 1 su 436 per le donne, secondo il rapporto pubblicato da Jama Neurology. I tassi di concordanza (coppie genitore-prole in cui entrambi avevano la Sla) sono del 2,6% per le coppie femmina-femmina, ma solo dello 0,8% per le coppie femmina-maschio e coppie maschio-femmina.
 
I figli malati da genitori con Sla avevano, in media, 17 anni in meno all’età di esordio della malattia rispetto ai loro genitori. Tra 23 pazienti con una storia parentale di Sla sottoposti a test per C9orf72, l’unica significativa causa geneticamente identificabile di malattia nella popolazione irlandese, 14 (il 60,9%) sono risultati positivi, inclusi 4 su 9 (il 44,4%) pazienti i cui padri hanno riportato l’espansione ripetuta di C9orf72 e 10 su 14 (il 71,4%) pazienti le cui madri portavano l’espansione ripetuta.
 
L’ereditarietà media complessiva della Sla per questa popolazione è stata del 52,3%. L’ereditarietà è risultata massima negli accoppiamenti madre-figlia (il 66,2%), intermedia negli accoppiamenti padre-figlio (il 50,1%) e inferiore negli accoppiamenti madre-figlio (il 38,2%) e padre-figlia (il 34,3%). L’ereditarietà è stata leggermente inferiore nella popolazione negativa per C9orf72, ma è rimasta la più alta per gli accoppiamenti madre-figlia.

I commenti
“Siamo rimasti sorpresi nel vedere che le persone con Sla che portavano l’espansione ripetuta di C9orf72 avevano maggiori probabilità di aver ereditato questa mutazione genetica dalle loro madri – sottolinea Ryan – Mentre sono stati riportati diversi modelli ereditari basati su chi trasmette il gene in altri disturbi neurologici, questa è la prima volta che questo tipo di modello ereditario è stato scoperto tra quelli con Sla”.
“Ora siamo in una posizione migliore per consigliare le persone in merito al loro rischio di sviluppare la malattia durante la loro vita – aggiunge l’esperta – Questo in particolare può essere una preoccupazione per i familiari delle persone con Sla. In assenza di un gene noto associato alla Sla nella famiglia, il rischio di un parente di primo grado di una persona con Sla di sviluppare la malattia durante la sua vita è tra lo 0,7-1,4%. Elevato rispetto alla popolazione generale (0,3%). Tuttavia, nel complesso il rischio rimane molto basso”.

Fonte: JAMA Neurol 2019
 
Will Boggs
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)
24 luglio 2019
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
76054