Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 27 GIUGNO 2019
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Poliomielite, allarme Oms: i casi aumentano nei paesi dove virus è ancora presente. Colpa scarse vaccinazioni. Da evitare il contagio da mobilità
La ventunesima riunione del comitato di emergenza ha esaminato i dati sul poliovirus selvaggio e sui poliovirus derivati ​​dal vaccino circolante: In Pakistan la trasmissione continua a essere diffusa, come indicato dal numero di casi isolati ambientali positivi in ​​molte aree del paese, e la percentuale di campioni in cui è presente WPV1 è in aumento. In Afghanistan, la questione critica dell'accesso ai vaccini sta seriamente ostacolando i progressi verso l'eliminazione globale e deve essere risolta. La recente diffusione di cVDPV2 nel sud della Nigeria, compresa la regione di Lagos densamente popolata, e le prove di mancata trasmissione in Nigeria e Somalia suggeriscono che la situazione continua a deteriorarsi. Casi  nei distretti di confine: in Nigeria, vicino al Benin, nella Repubblica Democratica del Congo vicino all'Angola, in Somalia, vicino all'Etiopia e in Mozambico, A rischio anche Benin, Etiopia, Malawi. "RACCOMANDAZIONI TEMPORANEE OMS" PER I PAESI INFETTI
03 GIU - La poliomielite non è sconfitta né sta per esserlo: il Comitato di emergenza dell’Oms è seriamente preoccupato per il significativo ulteriore aumento dei casi di WPV1 (poliovirus selvaggio) a livello mondiale nel 2019, in particolare in Pakistan, dove sono già stati segnalati 15 casi.

La ventunesima riunione del comitato di emergenza ha esaminato i dati sul poliovirus selvaggio (WPV1) e sui poliovirus derivati ​​dal vaccino circolante (cVDPV). Il segretariato ha presentato una relazione sui progressi per gli Stati membri dell'IHR (il comitato di emergenza) interessati dalle raccomandazioni temporanee che hanno fornito un aggiornamento sulla situazione attuale e sull'attuazione delle raccomandazioni temporanee dell'Oms da quando la commissione si è riunita l'ultima volta il 19 febbraio 2019: Afghanistan, Repubblica democratica del Congo, Indonesia, Nigeria, Pakistan e Somalia. 
 
In Pakistan la trasmissione continua a essere diffusa, come indicato dal numero di casi isolati ambientali positivi in ​​molte aree del paese, e la percentuale di campioni in cui è presente WPV1 è in aumento. 

I casi recenti a Lahore indicano anche che le vulnerabilità esistono ancora al di fuori dei corridoi considerati ad alto rischio. In particolare, l'aumento del tasso di infezione durante la bassa stagione può annunciare tassi di infezione ancora più alti nella prossima alta stagione, a meno che non vengano adottate misure correttive urgenti. 

La commissione ha manifestato forti preoccupazioni per gli attacchi ai vaccinatori e alla polizia che li proteggeva. Anche il crescente rifiuto da parte di individui e comunità di accettare la vaccinazione deve essere affrontato attivamente. Secondo la commissione le recenti elezioni e la transizione politica potrebbero avere influenzato negativamente l’attuazione del programma contro la polio ed è ora essenziale che il nuovo governo rinnovi i suoi sforzi, sottolineando che il programma di eradicazione nel paese non è più attivo. 

La commissione ha anche rilevato la recente scoperta del WPV1 nelle acque reflue in Iran, in un'area vicina al confine internazionale con il Pakistan, mentre è basato sul sequenziamento genetico, il virus legato a quelli trovati recentemente a Karachi, in Pakistan. 

Sebbene attualmente non vi sia alcuna prova che la trasmissione sia avvenuta in Iran e la copertura vaccinale di routine sia elevata, questa constatazione insieme alla ripresa della diffusione internazionale del WPV1 tra Pakistan e Afghanistan suggerisce che la crescente trasmissione in Pakistan è correlata all'aumento del rischio di esportazione del WPV1 che ha superato il blocco epidemiologico formato dai due paesi. 
L'evento Iran è il primo effetto di queste esportazioni rilevate dal 2014 e un che i risultati positivi avuti negli ultimi anni possono essere facilmente invertiti. 

In Afghanistan, la questione critica dell'accesso ai vaccini sta seriamente ostacolando i progressi verso l'eliminazione globale e deve essere risolta. Bambini non raggiungibili e dimenticati, in particolare nella regione meridionale aumentano la coorte dei piccoli suscettibili in questa parte dell'Afghanistan. La sorveglianza ambientale ha rilevato una percentuale maggiore di campioni positivi nel 2019. La situazione della sicurezza e l'accesso dovranno consentire di migliorare in modo significativo gli sforzi di eradicazione per progredire.

Il Comitato ha rilevato un alto grado di cooperazione e coordinamento tra Afghanistan e Pakistan, in particolare per raggiungere popolazioni mobili ad alto rischio che attraversano frequentemente i confini internazionali e hanno accolto con favore la vaccinazione per tutte le età ora in corso nei principali punti di confine tra i due paesi. 

In Nigeria, non è stato rilevato alcun caso di WPV1 per oltre due anni e mezzo, ed è possibile che la regione africana possa essere certificata senza WPV all'inizio del 2020. Tuttavia, sarà necessaria un'attenta valutazione del rischio di mancata trasmissione in aree inaccessibili del Borno e in altri paesi della regione in cui manca la certezza di sorveglianza. Il Comitato ha osservato che la popolazione bersaglio inaccessibile è ora ridotta a circa 60.000 bambini, sparsi nello Stato del Borno in piccole zone circoscritte, ma ha anche rilevato i ritardi tra le indagini sui casi e i risultati finali di laboratorio in Nigeria e ha suggerito un'analisi per comprenderne le ragioni. 

Le epidemie di cVDPV2 (poliomielite di tipo 2 causata da vaccino) nel continente africano sono preoccupanti quanto la situazione WPV1 in Asia. L'emergere di nuovi ceppi di cVDPV2 nelle aree in cui è stato utilizzato mOPV2 (vaccino monovalent OPV 2), la recente diffusione di cVDPV2 nel sud della Nigeria, compresa la regione di Lagos densamente popolata, e le prove di mancata trasmissione in Nigeria e Somalia suggeriscono che la situazione continua a deteriorarsi. 

La copertura insufficiente con IPV (vaccino Salk) aumenta la crescente vulnerabilità del continente alla trasmissione cVDPV2. La diagnosi precoce di qualsiasi diffusione internazionale dai cinque paesi attualmente infetti e l'uso prioritario di mOPV2 è essenziale per mitigare l'ulteriore esaurimento dell'offerta limitata di mOPV2. 

I casi si sono verificati nei distretti di confine (in Nigeria, vicino al Benin, nella Repubblica Democratica del Congo vicino all'Angola, in Somalia, vicino all'Etiopia e in Mozambico),

Le epidemie di cVDPV1 (poliomielite di tipo 1 causata da vaccino) in PNG (Papua Nuova Guinea) e Indonesia e cVDPV3 (poliomielite di tipo 3 causata da vaccino)  in Somalia evidenziano le lacune nell'immunità di popolazione dovute a sacche di copertura di immunizzazione di routine bassa in molte parti del mondo. Tuttavia, questi focolai sembrano rappresentare un minor rischio di diffusione internazionale, dato che il vaccino BOPV (vaccino orale bivalente) è già disponibile nel paese e disponibile per la vaccinazione dei viaggiatori, e l'immunità globale della popolazione è molto più alta rispetto al tipo 2.

Le grandi aree inaccessibili della Somalia rappresentano un limite significativo al raggiungimento dell'interruzione della trasmissione, esacerbata dai grandi movimenti di popolazione nomade.

Il comitato ha osservato che in tutti i paesi infetti, l'immunizzazione di routine era debole e la copertura rimane molto scarsa in molte aree di questi paesi.  

L'inaccessibilità è un grave rischio per la fine della trasmissione in Nigeria, Niger, Somalia e Afghanistan, e il conflitto in questi paesi e nella Repubblica Democratica del Congo rende ancora più difficile il controllo di questi focolai.

Il Comitato ha concordato all'unanimità che il rischio di diffusione internazionale di poliovirus rimane un'emergenza sanitaria pubblica di preoccupazione internazionale (PHEIC), ha raccomandato l'estensione delle raccomandazioni temporanee per ulteriori tre mesi e ha preso in considerazione una serie di fattori per il raggiungimento di questa conclusione:

- Rischio crescente di diffusione internazionale del WPV1: i progressi compiuti negli ultimi anni sembrano essere in fase calante, con il rischio valutato dalla commissione di uno spread internazionale più alto dal 2014 quando è stata dichiarata la PHEIC. 
 
Questa valutazione del rischio si basa su:
 - la prima esportazione del WPV1 al di fuori del singolo blocco epidemiologico di Afghanistan e Pakistan dal 2014;
 - aumento del numero di casi di WPV1 in Pakistan; percentuale crescente di campioni ambientali positivi per il WPV1 in Afghanistan e Pakistan;
 - rilevamento diffuso di WPV1 in Pakistan in campioni ambientali; gruppi di casi in aree non considerate ad alto rischio come Lahore;
 - il fatto che tutte queste osservazioni siano state fatte durante la parte dell'anno normalmente considerata come bassa stagione di trasmissione;
 - aumentare la resistenza comunitaria e individuale al programma polio.

Rischio crescente di diffusione del cVDPV: i ceppi recentemente emersi di cVDPV2 in Nigeria e Repubblica Democratica del Congo e l'aumento del numero di stati / province infetti in questi due paesi, insieme a prove di trasmissione mancata in Nigeria, Somalia e Indonesia suggeriscono anche che il rischio di la diffusione di cVDPV, in particolare di tipo 2, è in aumento.

Immunità PV2 in calo: l'immunità globale della popolazione ai poliovirus di tipo 2 (PV2) continua a diminuire, poiché cresce la coorte di bambini nati dopo l'interruzione dell'OPV2, esacerbata dalla scarsa copertura con IPV, in particolare in alcuni dei paesi infettati da cVDPV. 

Insorgenza prolungata:la difficoltà a controllare rapidamente i focolai di cVDPV in Nigeria e Repubblica Democratica del Congo è un altro rischio.

Debole immunizzazione di routine: molti paesi hanno sistemi di immunizzazione deboli che possono essere ulteriormente influenzati da varie emergenze umanitarie e il numero di paesi in cui i sistemi di immunizzazione sono stati indeboliti o interrotti da conflitti e emergenze complesse pone un rischio crescente, lasciando le popolazioni in questi stati fragili vulnerabile a focolai di poliomielite.

Lacune di sorveglianza: la comparsa di VDPV molto divergenti in Somalia e Indonesia è un esempio di sorveglianza inadeguata della polio, che accresce le preoccupazioni che la trasmissione potrebbe non essere rilevata in vari paesi. Lacune simili esistono nei paesi del lago Ciad e attorno al Corno d'Africa.

Mancanza di accesso: l'inaccessibilità continua a rappresentare un grave rischio, in particolare in diversi paesi attualmente infetti da WPV o cVDPV, ovvero Afghanistan, Nigeria, Niger, Somalia e Papua, Indonesia, che hanno popolazioni considerevoli non raggiunte con vaccino antipolio per periodi prolungati periodi.

Movimento della popolazione: il rischio è amplificato dal movimento della popolazione, sia per ragioni familiari, sociali, economiche o culturali, sia nel contesto di popolazioni sfollate dall'insicurezza e dal rientro dei rifugiati. È necessario un coordinamento internazionale per affrontare questi rischi. Per rispondere a questi rischi è necessario un approccio regionale e una forte cooperazione transfrontaliera, poiché la diffusione internazionale della polio avviene oltre i confini terrestri.

Il comitato suggerisce infine di intraprendere con urgenza un'analisi approfondita della situazione in Pakistan, per capire quali fattori abbiano portato al recente, grave deterioramento dell'eradicazione della polio osservato dal 2014.
I governi, i programmi e i fattori della comunità devono essere tutti inclusi nella revisione. Allo stesso modo, in Afghanistan ci deve essere un'analisi del perché gli elementi anti-governativi hanno ritirato la cooperazione con il programma della polio. Queste analisi dovrebbero essere utilizzate per adattare le risposte programmatiche alla situazione attuale, poiché i metodi attuali sembrano fallire. 

Il comitato ha ritenuto che, a causa del grave rischio di fallimento dell'eradicazione, la leadership della GPEI (Global Polio Eradication Initiative), compreso il direttore generale dell'Oms, dovrebbero impegnarsi a livello di capi di Stato nei paesi colpiti dalla poliomielite, per sostenere maggiori livelli di appropriazione governativa dell'eradicazione.

Riconoscendo gli strumenti limitati disponibili per prevenire l'esportazione di cVDPV2 attraverso la vaccinazione dei viaggiatori rispetto a questi focolai, il comitato ha esortato tutti i paesi confinanti con cVDPV2 a rivedere urgentemente gli indicatori di sorveglianza e immunità, in particolare nelle zone di confine e in altri gruppi di popolazione ad alto rischio. Il rilevamento tempestivo degli eventi di importazione è essenziale nella situazione attuale e ogni sforzo è necessario per evitare la trasmissione. 

Attualmente i paesi a più alto rischio sono Benin, Etiopia, Malawi e Angola. Anche altri paesi nelle vicinanze devono agire rapidamente per migliorare la sorveglianza e il livello di preparazione per essere pronti a fornire una risposta efficace e tempestiva in caso di qualsiasi prova di espansione geografica della trasmissione del focolaio.

Il rischio accresciuto della diffusione internazionale di poliovirus dovrebbe essere comunicato chiaramente, incluso il coinvolgimento di paesi infetti e ad alto rischio nel prossimo WHA.

La situazione in Iran deve essere monitorata da vicino, e la commissione deve essere aggiornata alla riunione successiva o essere avvertita prima se la situazione suggerisce che la trasmissione si verifichi.

Sulla base della situazione attuale relativa al WPV1 e al cVDPV e alle relazioni fornite dall'Afghanistan, dalla Repubblica democratica del Congo, dall'Indonesia, dalla Nigeria, dal Pakistan e dalla Somalia, il direttore generale ha accettato la valutazione della commissione e ha stabilito che la situazione relativa al poliovirus continua a costituiscono un’emergenza pubblica internazionale (PHEIC), rispetto a WPV1 e cVDPV. 

Il direttore generale ha approvato le raccomandazioni del comitato per i paesi in condizione di "Stati contagiati con WPV1, cVDPV1 o cVDPV3 con potenziale rischio di diffusione internazionale", "Stati contagiati con cVDPV2 con potenziale rischio di diffusione internazionale" e "Stati non più infetti" da WPV1 o cVDPV, ma che rimangono vulnerabili alla re-infezione da WPV o cVDPV 'e ha esteso le Raccomandazioni Temporanee sotto IHR per ridurre il rischio di diffusione internazionale di poliovirus.

Anche in base al rischio di diffusione legato alla mobilità degli individui, lo ricordiamo, il ministero della Salute ha varato in Italia un Piano nazionale per fronteggiare una eventuale epidemia.
03 giugno 2019
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
74589