Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
16 GIUGNO 2019
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Oncologia. Trattare un paziente che fuma costa 11 mila dollari in più
È quanto emerge da uno studio statunitense che ha stimato i costi aggiuntivi per i pazienti con cancro che non smettono di fumare, soprattutto quando vengono somministrate le terapie di prima linea. Dire stop alle bionde può quindi migliorare i risultati clinici del paziente e ridurre notevolmente i costi sanitari 
15 APR - (Reuters Health ) – Quando i pazienti oncologici sono fumatori attivi, è probabile che il trattamento terapeutico sia meno efficace e più costoso. L’evidenza emerge da uno studio canadese pubblicato da Jama. Il costo aggiuntivo deriva in gran parte da ulteriori trattamenti necessari dopo che i fumatori non riescono a rispondere alle terapie antitumorali di prima linea e ammonta a circa 11.000 dollari a persona, secondo quanto calcolato dal team di studio.
 
“I prodotti chimici del fumo di sigaretta colpiscono virtualmente tutte le cellule del corpo, comprese quelle tumorali – ha detto l’autore principale dello studio, Graham Warren, della Medical University of South Carolina di Charleston – Il fumo aumenta le possibilità che il cancro non risponda bene alla chemioterapia o alla radioterapia, e aumenta la possibilità che il tumore si diffonda in una fase più avanzata”. Questo aumenta il rischio che i trattamenti standard per il cancro non siano altrettanto efficaci, portando così a un aumentato rischio di recidiva.

Lo studio
. Circa un paziente oncologico su cinque è un fumatore attivo, hanno stimato i ricercatori in base ai dati del Us Surgeon General report del 2014.
Basandosi su questo rapporto, hanno creato un modello per calcolare il costo aggiuntivo del trattamento dei fumatori. Gli esperti ritengono che il 30% dei non fumatori non riesca a rispondere al trattamento iniziale e che il 20% dei pazienti oncologici siano fumatori attivi. Basandosi su ricerche passate, hanno anche ipotizzato che i fumatori abbiano il 60% di probabilità in più rispetto ai non fumatori di non riuscire a rispondere al trattamento iniziale.

Inoltre, i ricercatori hanno stimato un costo aggiunto medio di 100.000 dollari per il trattamento di tutti i pazienti che non rispondono ai trattamenti iniziali.
Con questo modello, il gruppo di studio ha calcolato che il costo aggiuntivo di trattamento ogni 1.000 pazienti sarebbe di 2,1 milioni di dollari, il che riflette un costo aggiuntivo di 10.678 dollari per ogni paziente che fuma. Per gli 1,6 milioni di pazienti con diagnosi di cancro negli Stati Uniti ogni anno, ciò equivarrebbe a potenziali costi annuali aggiuntivi di 3,4 miliardi di dollari.

I commenti
. Una limitazione dell’analisi risiede nella mancanza di stime dei costi specifici per i trattamenti di seconda linea tentati quando i pazienti non rispondono ai regimi di trattamento iniziali, ha notato lo stesso Warren. Le stime dei costi contenute nello studio inoltre non includono molte spese relative al fumo, tra cui la mortalità da altre cause, gli effetti tossici del trattamento del cancro e il rischio di sviluppare più tipi di cancro. I ricercatori inoltre non hanno calcolato come l’inserimento della terapia per smettere di fumare nel trattamento standard per i fumatori che ricevono diagnosi di cancro potrebbe influenzare i costi.

”Tuttavia, i risultati dovrebbero dare ai fumatori con il cancro un motivo ulteriore per smettere”, osserva Cara Petrucci, coautrice di un editoriale di accompagnamento e ricercatrice presso il Roswell Park Comprehensive Cancer Center di Buffalo. “Qualcosa di semplice come aiutare i pazienti affetti da cancro a smettere di fumare può portare a risultati clinici migliori per il paziente ma anche a risparmiare miliardi di dollari in costi sanitari – ha sottolineato la ricercatrice– Ogni struttura di cura del cancro dovrebbe sottoporre a screening per l’uso di tabacco e offrire tutti i mezzi disponibili per aiutare questi pazienti a smettere il prima possibile”.

Fonte: JAMA Netw Open 2019
 

Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)
15 aprile 2019
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
73103