Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Sabato 25 MAGGIO 2019
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Casi di morbillo quasi raddoppiati in un anno, con 110mila morti. I progetti delle agenzie sanitarie delle Nazioni Unite
Le Nazioni Uniote lanciano l'allarme a livello mondiale assieme all'Oms, che già lo aveva fatto la scorsa settimana per l'Europa: a metà gennaio 2019 erano stati segnalati 229.068 casi di morbillo nel 2018, in 183 Stati membri i quali hanno tempo fino ad aprile per archiviare i dati sul carico di malattia dell'anno precedente. Un dato quasi doppio dei 115.117 casi riportati nello stesso periodo dell'anno precedente e la preoccupazione dell'Oms si basa sul fatto che il numero finale di infezioni è salito a 173.330. IL PIANO D'AZIONE OMS 2015-2020 - I CASI DI MORBILLO NEL MONDO.
15 FEB - Dopo l'allarme lanciato dall'Oms Europa sui casi di morbillo praticamente triplicati nel 2018, scendono in campo anche le Nazioni Unite lanciando anche loro l'allarme, ma questa volta mondiale, per casi e contagi che nel mondo sono raddoppiati.

"Le lacune nazionali nella copertura dei vaccini contro il morbillo, vanno assolutamente colmate", dice l'Onu che stima in oltre 110.000 nel mondo, soprattutto nei Paesi più poveri (sono infatti "solo" 72 i decessi nella Regione europea) le persone morte a causa della malattia.

Anche l’Unicef è impegnato nella campagna contro il morbillo con #VaccinesWork, dove sono evidenziate le conseguenze di una mancata vaccinazione.

A metà gennaio di quest'anno erano stati segnalati 229.068 casi di morbillo negli ultimi 12 mesi in 183 Stati membri dell'Oms che hanno tempo fino ad aprile per archiviare i dati sul carico di malattia dell'anno precedente.

Un dato quasi doppio dei 115.117 casi riportati nello stesso periodo dell'anno precedente e la preoccupazione dell'Oms si basa sul fatto che il numero finale di infezioni è salito a 173.330.

"A causa della segnalazione di ritardi ed epidemie alla fine del 2018, prevediamo che questi numeri aumenteranno, come hanno fatto negli anni passati", ha detto l'agenzia in una nota.
"Abbiamo assistito a un sostanziale calo delle morti per morbillo per oltre due decenni, ma ora dobbiamo sforzarci di raggiungere casi di morbillo zero", ha detto Jean-Marie Okwo-Bele, direttore del Dipartimento di Oms su Immunizzazione, vaccini e biologia, in una dichiarazione congiunta con le nazioni Uniote.
 
"L' eliminazione del morbillo sarà raggiunta solo se i vaccini contro il morbillo raggiungono ogni bambino, ovunque", ha aggiunto Okwo-Bele.
 
Dal 2000, sono stati forniti ai bambini 5,5 miliardi di dosi di vaccini contenenti il ​​morbillo attraverso i servizi di immunizzazione di routine e le campagne di vaccinazione di massa, risparmiando circa 20,4 milioni di vite.
 
Tuttavia, il mondo è ancora lontano dal raggiungimento degli obiettivi regionali di eliminazione del morbillo.
 
Circa 20,8 milioni di bambini continuano a perdere la loro prima dose di vaccino contro il morbillo e più della metà di essi vive in sei paesi. La Nigeria ha 3,3 milioni di bambini non vaccinati; l'India ha 2,9 milioni; Pakistan, due milioni; Indonesia, 1,2 milioni; Etiopia, 0,9 milioni; e nella Repubblica Democratica del Congo, 0,7 milioni non sono immunizzati.
 
Dal momento che il morbillo è una malattia virale altamente contagiosa, grandi epidemie continuano a verificarsi in questi e in altri paesi, in Europa e Nord America, mettere i bambini a rischio di complicazioni di salute gravi, come la polmonite, la diarrea, l'encefalite, la cecità e la morte.
 
I paesi con il maggior numero di morti per morbillo si affidano molto alle risorse finanziate dalla polio. Una volta che l'eradicazione della polio è raggiunta, quelle risorse che supportano i servizi di routine di vaccinazione contro il morbillo, la rosolia e campagne di vaccinazione e alla sorveglianza saranno ad alto rischio di diminuire e scomparire, invertendo i progressi compiuti.   Analizzando i dati per regione nel 2018, l'Africa ha visto 33.879 infezioni da morbillo; di questi, 4.291 sono stati dal solo Madagascar, dove 922 decessi sono stati segnalati per un focolaio in atto iniziato lo scorso ottobre.




Le Americhe hanno registrato circa 17.000 casi di morbillo nel 2018, nel Mediterraneo orientale, poco meno di 22.000. 

In Europa, ci sono state 82.596 infezioni in 47 su 53 paesi, più che nel Sud-est asiatico (73.133) e del Pacifico occidentale (23.607).

Nel 2018, il morbillo ha ucciso 72 bambini e adulti nella Regione Europea, che comprende 53 paesi, tra cui Azerbaigian, Israele, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turchia, Turkmenistan e Uzbekistan.

Le 82.600 persone colpite in Europa rappresentano il numero più alto di casi annuali negli ultimi dieci anni: tre volte il totale riportato nel 2017 e 15 volte il minimo storico, riportato nel 2016.

Il più grande bacino dell’epidemia è l'Ucraina con 53.218 casi segnalati nel 2018, seguita dalla Serbia con 5.076, Israele con 2.919, la Francia con 2.913 e l'Italia con 2.517.

L'Oms ha sviluppato un piano d'azione europeo sui vaccini per il periodo 2015-2020, che espone una strategia approvata da tutti i 53 Stati membri della regione per eliminare sia il morbillo che la rosolia.
 
Per prevenire epidemie ed eliminare il morbillo, l'Oms sollecita i paesi a sostenere un'alta copertura immunitaria con due dosi di vaccino, un regime già somministrato a "miliardi" di bambini, ha detto O'Brien ai giornalisti a Ginevra.

"Stiamo retrocedendo rispetto ai progressi che sono stati fatti, non perché non abbiamo gli strumenti, ma perché non stiamo vaccinando", ha insistito. “Non c'è associazione tra autismo e il morbillo; quel mito è stato ridimensionato”,  ha detto poi O'Brien, sottolineando che lo studio che ha scatenato la fake news era basato su dati errati.

Negli ultimi anni la copertura vaccinale si è arrestata all'85 per cento, molto lontano quindi dal 95% necessario per prevenire epidemie e con molte persone rimaste sensibili alla malattia. La copertura della seconda dose si attesta poi al 67 per cento.

I paesi dovrebbero anche identificare e rivolgersi a tutte le comunità che sono sottomunizzate, ha avvertito Katrina Kretsinger, funzionario medico nel programma allargato sull'immunizzazione dell'Oms.

"Alcune popolazioni sono più a rischio di altre", ha detto. "Bambini, migranti, rifugiati e popolazioni povere".

Sebbene l'Oms stia lavorando nelle regioni colpite con i ministeri della salute, non si impegnerà a raccomandare la vaccinazione obbligatoria.

"Spetta ai paesi implementare i programmi di vaccinazione", ha suggerito Kretsinger. "Alcuni hanno reso obbligatorio vaccinare i bambini per poter frequentare la scuola".

Prima dell'introduzione del vaccino contro il morbillo nel 1963, epidemie si sono verificate ogni due o tre anni, causando circa 2,6 milioni di morti l’anno.
15 febbraio 2019
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
70994