Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
21 LUGLIO 2019
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
L’esercizio aerobico migliora le capacità di pensiero a tutte le età
Un allenamento aerobico inttenso migliora le capacità di pensiero sia dei giovani adulti, sia degli over 65. È quanto emerge da un piccolo studio USA, che ha valutato 132 volontari di età compresa tra i 20 e i 67 anni
01 FEB - (Reuters Health) – Numerosi studi hanno dimostrato che l’esercizio aerobico può migliorare le capacità cognitive negli anziani. Un nuovo piccolo studio rivela che allenamenti vigorosi aumentano le capacità di pensiero anche negli adulti più giovani.

Dopo un allenamento aerobico di sei mesi, un gruppo di adulti di età compresa tra 20 e 67 anni ha infatti mostrato miglioramenti nella funzione esecutiva – i processi cognitivi importanti per il ragionamento, la pianificazione e la risoluzione dei problemi – e l’espansione della materia grigia nella regione del cervello centrale a tali funzioni.
Un gruppo di confronto, che ha fatto solo stretching e tonificazione durante lo stesso periodo non ha riportato gli stessi benefici, come hanno notato i ricercatori su Neurology.

“La gente pensa al declino mentale come a qualcosa che si verifica tardi nella vita – dice l’autore principale dello studio, Yaakov Stern, professore di neuropsicologia presso il Columbia University Medical Center di New York – Ma anche a 30 anni hai bisogno di aiuto. Molti studi mostrano un declino quasi lineare di queste funzioni dai 20 anni in poi, quindi il messaggio da portare a casa da questo studio è che l’esercizio aerobico è davvero molto importante”.

Lo studio. 
Stern e colleghi hanno reclutato 132 volontari dai 20 anni in su per esaminare l’impatto dell’attività aerobica sulla cognizione e sulla struttura del cervello. Nessuno dei volontari si allenava prima dello studio. Ai volontari sono stati somministrati dei test all’inizio per valutare la funzione esecutiva, la memoria episodica, la velocità di elaborazione mentale, le abilità linguistiche e l’attenzione.

I ricercatori li hanno poi assegnati in modo casuale a uno di due gruppi: una metà in quello aerobico, che si allenava per aumentare la frequenza cardiaca, mentre l’altra metà doveva compiere sessioni di tonificazione non aerobica e stretching. I volontari di ciascun gruppo hanno partecipato a quattro sessioni di allenamento settimanali per 24 settimane. Sono stati nuovamente testati per le capacità cognitive a 12 e 24 settimane.
Sono stati sottoposti a risonanza magnetica cerebrale all’inizio e alla fine dello studio. Hanno concluso lo studio 44 volontari del gruppo di esercizi aerobici e 50 del gruppo di stretching.

I risultati
. Alla fine del periodo di studio, il gruppo di stretching e tonificazione non ha fatto registrare un aumento delle abilità cognitive, mentre il gruppo aerobico ha visto aumenti significativi della funzione mentale a tutte le età, sebbene i partecipanti più anziani mostrassero miglioramenti maggiori rispetto ai più giovani. Le risonanze magnetiche hanno anche mostrato un aumento di spessore nella corteccia frontale del cervello in atleti aerobici alla fine delle 24 settimane.

Fonte: Neurology 2019

 
Linda Carroll
 

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Nutri & Previeni)
01 febbraio 2019
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
70554