Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 19 NOVEMBRE 2018
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Fotofobia da emicrania. Efficace la tossina botulinica A
Se l’emicrania è ampiamente studiata dal punto di vista farmacologico, lo stesso non può dirsi di alcuni sintomi che ne accompagnano le crisi, come occhio secco e fototofobia. Un gruppo di ricercatori di Miami ha valuto l’efficacia della tossina botulinica A nel trattamento di questi sintomi
31 OTT - (Reuters Health) – La fotofobia nei pazienti con emicrania migliora dopo le iniezioni di tossina botulinica A. È quanto emerge da uno studio osservazionale americano pubblicato dal British Journal of Ophthalmology. I sintomi di fotofobia e secchezza oculare sono comuni nei pazienti con emicrania, ma pochi studi hanno ad oggi valutato terapie per questi sintomi.
 
Lo studio
. Anat Galor e colleghi, del Miami VA Medical Center, hanno valutato la potenziale efficacia della tossina botulinica A (BoNT-A) nel ridurre i sintomi di fotofobia e secchezza oculare in una revisione retrospettiva di 72 pazienti, tutti curati con questa tossina. La maggior parte dei pazienti (l’80,6%) ha giudicato” severa” la propria fotofobia e tutti i pazienti, tranne due, hanno riferito sintomi di secchezza oculare (il 63,4% ha dichiarato che era grave). Solo il 20,3% dei pazienti ha tuttavia mostrato prove obiettive di un volume lacrimale basso.

Dopo un tempo medio di follow-up post-iniezione di 30,5 giorni, i punteggi di fotofobia sono migliorati significativamente, passando da 29,8 a 27,7 sul totale di Visual Light Sensitivity Question-8 (VLSQ-8), che varia da 8 a 40. E i soggetti con sintomi più gravi di secchezza oculare hanno riportato un miglioramento statisticamente significativo, passando da 15,4 a 13,8 sulla scala del Dry Question Questionnaire-5 (DEQ-5), che varia da 0 a 22.
 
I commenti
. “La scoperta che BoNT-A  sia in grado di migliorare sia la fotofobia, sia i gravi sintomi dell’occhio secco, suggerisce l’ipotesi che altre terapie che modulano la funzione somatosensoriale e il dolore neuropatico possano essere considerate per trattare pazienti i cui sintomi di secchezza oculare non spariscono con i trattamenti convenzionali o i cui sintomi non possono essere spiegati con un esame oftalmico”.
 
Fonte: Br J Ophthalmol 2018
 

Reuters Staff

 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)
31 ottobre 2018
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
67415