Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 10 DICEMBRE 2018
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Cancro, diabete, malattie cardiovascolari e respiratorie. L’Italia, soprattutto per le donne, tra i paesi del mondo dove si rischia meno una morte precoce
Lo rivela uno studio dell'Imperial College di Londra realizzato in collaborazione con l'Oms e pubblicato su Lancet sui rischi di decesso precoce a causa delle malattie non trasmissibili, con un focus sulle quattro patologie più rilevanti (NCD4). “Le persone nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Cina hanno un rischio più elevato di morire precocemente da condizioni croniche rispetto a quelle in Italia, Francia, Corea del Sud e Australia”, scrivono i ricercatori.
21 SET - “Le persone nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Cina hanno un rischio più elevato di morire precocemente da condizioni croniche rispetto a quelle in Italia, Francia, Corea del Sud e Australia”. Questo il dato messo in evidenza dall'Imperial College di Londra per presentare lo studio realizzato in collaborazione con l'Oms e la NCD Alliance che offre un'analisi globale dettagliata delle morti causate dalla malattie non trasmissibile (NCD) tra le quali sono comprese patologie come il cancro, le malattie cardiovascolari, le malattie respiratorie croniche e il diabete.

La ricerca, pubblicata oggi da Lancet, rivela che una donna di 30 anni nel Regno Unito ha il 9% di possibilità di morire per quattro malattie non trasmissibili più rilevanti (le NCD4): cancro, malattie cardiovascolari (che include malattie cardiache e ictus), malattie respiratorie croniche e diabete - prima del suo 70esimo compleanno, rispetto ad una probabilità del 12% per una donna che vive negli Stati Uniti, e del 6 percento per una donna che vive in Giappone.
 
Nel frattempo un uomo di 30 anni che vive nel Regno Unito ha il 13% di possibilità di morire da una malattia non trasmissibile (NCD) prima dei 70 anni, contro l’11% di un uomo che vive in Svizzera, e il 18% di un uomo che vive negli Stati Uniti.
 
L’Italia soprattutto per quanto riguarda le donne è tra i primi posti (il settimo) della classifica per il minor rischio di decesso per una malattia cronica mentre tra gli uomini l’Italia non figura nella top ten.
 
L'analisi ha anche rivelato che la maggior parte delle nazioni del mondo - tra cui Regno Unito, Stati Uniti e Cina - sembra destinata a non raggiungere l'obiettivo delle Nazioni Unite (ONU) di ridurre il numero di morti premature da NCD.

Il professor Majid Ezzati, della Scuola di salute pubblica dell'Imperial, che ha diretto lo studio, ha dichiarato: "Le malattie non trasmissibili sono la causa principale di morte prematura per la maggior parte dei paesi. La povertà, la commercializzazione incontrollata di alcool e tabacco da parte delle industrie multinazionali e la debolezza dei sistemi di assistenza sanitaria stanno rendendo le malattie croniche un pericolo più grande per la salute umana rispetto ai tradizionali nemici come batteri e virus”.
 
Le malattie non trasmissibili uccidono quasi 41 milioni di persone all'anno, costituendo sette decessi su dieci a livello globale, 17 milioni di queste morti sono considerate premature (cioè prima dei 70 anni).

La nuova ricerca viene pubblicata in vista di una riunione delle Nazioni Unite sulle malattie non trasmissibili la prossima settimana. Nel 2015, le Nazioni Unite hanno stabilito l'obiettivo di ridurre di un terzo la mortalità prematura (tra i 30 e i 70 anni) a causa delle quattro principali malattie non trasmissibili (cancro, malattie cardiovascolari, malattie respiratorie croniche e diabete) entro il 2030.

Il gruppo dietro questa ricerca, che sono noti collettivamente come NCD Countdown 2030, avverte che i loro risultati suggeriscono che l'obiettivo delle Nazioni Unite sarà perso in tutte tranne 35 nazioni per donne e 30 nazioni per uomini.

Lo studio rivela anche che uomini e donne nella maggior parte dei paesi del mondo hanno un rischio più elevato di morire prematuramente da malattie non trasmissibili che da malattie infettive come la malaria o l'HIV.
 
I ricercatori hanno analizzato i dati sulle morti da malattie non trasmissibili per oltre 180 nazioni. Le loro scoperte hanno rivelato che i più bassi rischi di morte precoci sono stati osservati nei paesi ad alto reddito, specialmente in Corea del Sud, Giappone, Svizzera e Australia.

Ma altri paesi ad alto reddito sono in ritardo rispetto ai leader, tra cui il Regno Unito (che è al 17 ° posto per gli uomini, il 27 ° per le donne), gli Stati Uniti (53 ° per gli uomini, 44 ° per le donne) e la Cina (80 ° per gli uomini, 76 ° per le donne).
 
Nel complesso, le donne in Corea del Sud, Giappone, Spagna e Svizzera hanno meno probabilità di morire prematuramente a causa delle quattro principali malattie non trasmissibili.
 
I paesi con il minor rischio per gli uomini erano Islanda, Svizzera, Svezia e Norvegia. Al contrario, gli uomini dell'Asia centrale (Mongolia, Kazakistan) e dell'Europa orientale (Russia, Bielorussia) erano tra i più propensi a morire prima dei 70 anni.
 
Per le donne, parti dell'Africa subsahariana (Sierra Leone, Costa d'Avorio), Guyana, Afghanistan, Yemen e Papua Nuova Guinea erano tra quelli con il maggior rischio di morte prematura.
 
Lo studio rivela che solo 35 paesi sono sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo delle Nazioni Unite per le donne e solo 30 paesi per gli uomini. Alcuni di questi paesi sono sulla strada giusta per raggiungere l'obiettivo delle Nazioni Unite per uomini e donne e sono: Danimarca, Nuova Zelanda, Norvegia e Corea del Sud, oltre a Brasile, Iran e alcuni dei paesi dell'Europa orientale ad alto rischio. In confronto, Regno Unito, Australia, Francia, Germania, India e Cina non riusciranno a raggiungere l'obiettivo per entrambi i sessi. Gli autori dicono che se le morti da malattie non trasmissibili diminuiranno leggermente più velocemente in altri 50 paesi (per le donne) e 35 paesi (per gli uomini), anche loro raggiungerebbero l'obiettivo.
 
Secondo l'analisi, la situazione si sta deteriorando o sta ristagnando in 15 paesi per le donne, compresi gli Stati Uniti e in 24 Paesi per gli uomini.
 
“Mentre gran parte del mondo non riesce a raggiungere l'obiettivo delle Nazioni Unite – ha spiegato il professor Ezzati - per alleviare il peso delle malattie croniche, dozzine di paesi potrebbero raggiungere questo obiettivo con una modesta accelerazione delle tendenze già favorevoli. Ciò richiede che i governi nazionali e i donatori internazionali investano nella giusta serie di politiche. Il trattamento dell'ipertensione e il controllo del consumo di tabacco e alcool da solo possono prevenire milioni di morti per cancro, malattie cardiache, ictus e altre malattie non trasmissibili. Ma c'è anche bisogno di cure di alta qualità a prezzi accessibili per diagnosticare e curare le malattie croniche il più presto possibile”.
 
Il team sottolinea che i risultati sono limitati dai dati disponibili, citando le maggiori lacune nella completezza e accuratezza dei dati in alcuni paesi. Spiegano che migliorare la registrazione della morte nei paesi potrebbe migliorare la precisione.
 
"È importante – ha dichiarato James Bennett, l'autore principale dello studio della School of Public Health - che le agenzie umanitarie internazionali e i governi siano tenuti a rendere conto dei loro impegni verso obiettivi globali per la salute. Migliorare la qualità dei dati sulla salute dei paesi ci aiuterà a identificare quali paesi si comportano meglio nel ridurre i decessi per malattie croniche, così come quelli che hanno bisogno di ulteriore aiuto”.
 
 

 
21 settembre 2018
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
65856