Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 16 OTTOBRE 2018
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Settimana europea della vaccinazione. Oms: “I vaccini salvano vite. Una responsabilità individuale e condivisa”
L'obiettivo dell'iniziativa è contribuire a sostenere la domanda pubblica e il sostegno politico per la vaccinazione attraverso attività di advocacy e comunicazione mirata e attività educative. Il tema di quest'anno "Protected Together, #VaccinesWork"  promuove il messaggio principale che la vaccinazione di ogni persona è vitale per prevenire le malattie e proteggere la vita. E durante la settimana ogni paese partecipante implementa attività per informare e coinvolgere i principali destinatari e affrontare le sfide relative all'immunizzazione. I MATERIALI: STARTER-TOOLKIT - COMMUNICATION PACKAGE - HEARD IMMUNITY - HOW VACCINE WORKS – MORBILLO – ROSOLIA – POSTER.
20 APR - Dal 23 al 29 aprile, la Regione europea dell'Oms celebra la Settimana europea delle vaccinazioni (EIW), un'iniziativa annuale che sensibilizza sull'importanza dell'immunizzazione per la salute e il benessere delle persone.

Fino dalla sua prima edizione nel 2005, EIW è diventato un evento ampiamente riconosciuto, svolto prevalentemente dagli Stati membri della Regione e coinvolge gli uffici e i partner nazionali dell'Oms, i ministeri della salute, le organizzazioni professionali e genitoriali, le strutture sanitarie locali, i politici e altro ancora. L'obiettivo dell'iniziativa è contribuire a sostenere la domanda pubblica e il sostegno politico per la vaccinazione attraverso attività di advocacy e comunicazione mirata e attività educative.

La Regione europea continua a godere di una copertura complessiva per l'immunizzazione infantile e sta progredendo verso gli obiettivi del piano d'azione europeo sui vaccini, compresa l'eliminazione del morbillo e della rosolia.

Alcuni esempi.

Nel corso del 2016, circa l'86% dei bambini di tutto il mondo (116,5 milioni di bambini) ha ricevuto 3 dosi di vaccino contro la difterite-tetano-pertosse (DTP3), proteggendoli dalle malattie infettive che possono causare gravi malattie e disabilità o essere fatali. Entro il 2016, 130 paesi hanno raggiunto almeno il 90% della copertura del vaccino DTP3.
Il morbillo è una delle principali cause di morte tra i bambini piccoli, anche se è disponibile un vaccino sicuro ed economico. Nel 2016, ci sono stati 89.780 decessi di morbillo a livello globale, e per la prima volta i decessi per morbillo sono scesi sotto i 100000 all'anno. La vaccinazione contro il morbillo ha portato un calo dell'84% delle morti per morbillo tra il 2000 e il 2016 in tutto il mondo. Nel 2016, circa l'85% dei bambini di tutto il mondo ha ricevuto una dose di vaccino contro il morbillo entro il primo compleanno attraverso i servizi sanitari di routine rispetto al 72% nel 2000. Durante il periodo 2000-2016, la vaccinazione contro il morbillo ha prevenuto circa 20,4 milioni di morti, rendendo il vaccino contro il morbillo uno dei migliori acquisti nella sanità pubblica.  
La polio (poliomielite) colpisce principalmente i bambini sotto i 5 anni di età. Una su 200 infezioni porta a paralisi irreversibile. I casi dovuti al poliovirus selvaggio sono diminuiti di oltre il 99% dal 1988, da circa 350.000 casi a 22 casi segnalati nel 2017. Come risultato dello sforzo globale per sradicare la malattia, oltre 16 milioni di persone sono state salvate da paralisi. Finché un bambino singolo rimane infetto, i bambini in tutti i paesi sono a rischio di contrarre la polio. La mancata eliminazione della polio da queste ultime roccaforti rimanenti potrebbe comportare fino a 200.000 nuovi casi ogni anno, entro 10 anni, in tutto il mondo. Nella maggior parte dei paesi, lo sforzo globale ha ampliato le capacità di affrontare altre malattie infettive costruendo efficaci sistemi di sorveglianza e immunizzazione.  
I vaccini sono uno degli strumenti sanitari più convenienti mai inventati. Ogni dollaro speso per l'immunizzazione infantile restituisce 44 dollari in benefici economici e sociali. Dal salvataggio delle vite alla prevenzione della povertà, alla protezione contro la malnutrizione, i vaccini consentono alle persone di tutto il mondo di vivere una vita piena e sana. Sono fondamentali per raggiungere gli obiettivi di sviluppo globale, anche quelli non direttamente correlati alla salute. Ad esempio, uno studio ha rilevato che se aumentassimo la copertura vaccinale nei paesi a basso e medio reddito entro il 2030, potremmo impedire a 24 milioni di persone di cadere in povertà a causa delle spese sanitarie. Altri studi hanno indicato che vaccinare i bambini contro il morbillo può migliorare le prestazioni nelle scuole.


Sfortunatamente, i benefici dei vaccini si diffondono in modo non uniforme, con troppi bambini che perdono la protezione.
Nel 2016, 1 bambino su 15 nella Regione ha perso il primo vaccino contro il morbillo e 1 su 21 non ha ricevuto tutte le dosi raccomandate di vaccini contro difterite, tetano e pertosse. Queste lacune nella copertura hanno portato a epidemie altrimenti evitabili.

Focus della campagna 2018

Per aiutare a colmare le lacune nell’immunità, l'EIW 2018 si concentrerà sull'immunizzazione come responsabilità individuale e condivisa.

I vaccini forniscono protezione individuale dalle malattie pericolose. Ma i benefici non si fermano qui. Quando tutti gli individui idonei in una comunità vengono vaccinati, non ci sono più persone “scoperte” in grado di sostenere la trasmissione di una malattia contagiosa.

Insieme proteggono coloro che sono più vulnerabili, compresi i bambini. Ogni persona merita di essere immunizzata e condivide la responsabilità sociale di proteggere coloro che non possono proteggersi.

In concomitanza con altre iniziative regionali e la Settimana mondiale dell'immunizzazione, la Regione Europea utilizzerà l'EIW 2018 come un'opportunità per evidenziare come i vaccini funzionano per proteggere le persone e le loro comunità e per progredire ulteriormente verso gli Obiettivi globali di sviluppo sostenibile.

L'implementazione diffusa dei programmi di immunizzazione negli ultimi 30 anni ha portato a una drastica riduzione delle malattie e della morte dovuta a malattie prevenibili con il vaccino. La Regione Europea dell'Oms è stata certificata per la polio nel 2002 e i casi di morbillo nella Regione sono stati ridotti di oltre il 90% dal 2007.

Tuttavia, c'è ancora molto da fare. Quasi 650.000 dei 10,7 milioni di bambini nati ogni anno nella regione europea non ricevono la serie completa di tre dosi di vaccino contro la difterite, il tetano e la pertosse e le popolazioni vulnerabili esistono in tutti i paesi.

Ironia della sorte, il fatto che l'immunizzazione abbia reso molte malattie infettive rare o quasi sconosciute può portare all'opinione dei genitori e degli operatori sanitari che i vaccini non sono più necessari, esponendo i vaccini all'influenza dei gruppi di antivaccinazione e dei siti web.

È necessario mantenere un forte sostegno politico per l'immunizzazione o la Regione rischia di veder riemergere malattie altamente contagiose, causando anche invalidità e morte e un notevole onere per i sistemi di assistenza sanitaria e i genitori.

Recenti epidemie sottolineano la responsabilità regionale che tutti devono condividere per tenere sotto controllo le malattie prevenibili con il vaccino. L'immunizzazione salva milioni di vite ogni anno e questa storia di successo della sanità pubblica deve essere sostenuta.

I paesi di tutta la regione devono fornire urgentemente informazioni accurate, equilibrate e comprensibili sui rischi delle malattie e sui benefici della vaccinazione.

E ci sono una serie di importanti partner che sostengono la necessità dell’immunizzazione e forniscono assistenza ai paesi per l'attuazione di attività a livello nazionale e sub-nazionale, comprese le associazioni di operatori sanitari, organizzazioni non governative (ONG) e organizzazioni della società civile.

Il tema di quest'anno "Protected Together, #VaccinesWork"  promuove il messaggio principale che la vaccinazione di ogni persona è vitale per prevenire le malattie e proteggere la vita.

Durante l'EIW, ogni paese partecipante implementa attività per informare e coinvolgere i principali destinatari e affrontare le sfide relative all'immunizzazione.

Per il pubblico in generale, gruppi vulnerabili, genitori e badanti:
• organizzare eventi come spettacoli teatrali, concerti, eventi sportivi o conferenze stampa per evidenziare i messaggi chiave;
• diffusione di materiale stampato, video o altro materiale informativo online sui benefici dell'immunizzazione;
• organizzare attività di sensibilizzazione o campagne di immunizzazione catch-up per gruppi vulnerabili o sottoserviti, come detenuti, giovani e rifugiati;
• organizzazione di campagne di media o poster per informare il pubblico sulle modifiche al programma di immunizzazione, come il passaggio alla registrazione elettronica dei registri di vaccinazione;
• utilizzando i canali dei social media, diffusione di messaggi chiave, discussioni e risposte a domande o dubbi relativi al vaccino.

Per gli operatori sanitari:
• organizzare sessioni di formazione per il personale sanitario, a livello locale o nazionale;
• diffusione di materiale informativo aggiornato al personale che si occupa della alla vaccinazione, fornendo loro indicazioni e strumenti per educare i genitori sull'importanza dell'immunizzazione.

Per i responsabili politici e decisionali:
• organizzare workshop per discutere le sfide dell'immunizzazione e informarli dei benefici dell'immunizzazione;
• sviluppare materiali informativi con dati pertinenti e stime dei costi per sensibilizzare i responsabili decisionali alle problematiche e alle sfide legate alla vaccinazione.

Per i media:
• organizzare conferenze stampa per sensibilizzare i mezzi di informazione pertinenti alle questioni chiave in relazione alla vaccinazione e per generare un'attenzione positiva da parte dei media sull'importanza della vaccinazione;
• tenere seminari per informare i giornalisti e incoraggiare una copertura mediatica equilibrata sulla vaccinazione
 

 

 

 
 
20 aprile 2018
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
538