Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
21 OTTOBRE 2018
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Oms: “La maggior parte dei fondi in R&S non tiene conto degli obiettivi di salute pubblica globali”
L'epidemia di virus Ebola è un esempio. Nell'Africa occidentale nel 2014 ha causato oltre 11.000 morti, ha drammaticamente messo in luce la mancanza di investimenti in prodotti e approcci per prevenire e minimizzare l'impatto dei patogeni con potenziale epidemico. E le lacune negli investimenti in R&S nella pipeline di farmaci antimicrobici sono una causa di preoccupazione globale nel contesto della rapida resistenza antimicrobica.
07 FEB - Ogni anno vengono spesi centinaia di miliardi di dollari in ricerca e sviluppo  in prodotti o processi sanitari innovativi o più efficaci, che vanno dai medicinali ai vaccini alla diagnostica. Tuttavia le finalità della maggior parte di queste ricerche è indirizzata verso target che tengono poco conto dlele esigenze globali di salute pubblica.
 
L'epidemia di virus Ebola è un esempio. Nell'Africa occidentale nel 2014 ha causato oltre 11.000 morti, ha drammaticamente messo in luce la mancanza di investimenti in prodotti e approcci per prevenire e minimizzare l'impatto dei patogeni con potenziale epidemico. E le lacune negli investimenti in R&S nella pipeline di farmaci antimicrobici sono una causa di preoccupazione globale nel contesto della rapida resistenza antimicrobica.
Per questo l’Organizzazione mondiale della Sanità ha deciso di lanciare un anno fa una nuova iniziativa per raccogliere informazioni e fornire un'immagine precisa di dove e come vengono spesi i fondi di ricerca e sviluppo, aiutando governi, finanziatori e ricercatori a prendere decisioni migliori in merito agli investimenti e alle priorità politiche.

Il risultato a un anno di distanza non è dei milgiori. Sui 194 paesi che fanno parte dell’Oms hanno risposto in 60 (Italia esclusa) e tra questi l'Osservatorio Globale sulla R&S in campo sanitario ha identificato divari e disuguaglianze impressionanti negli investimenti sia tra paesi che tra problemi di salute, con frequenti disconnessioni tra carico di malattia e livello di attività di ricerca.
 
L’indagine dell’Osservatorio Oms non si ferma solo al valore della ricerca e dei ricercatori, analizza anche i target degli investimenti per comprendere meglio dove sono mirati i fondi:
  • solo l'1% di tutti i finanziamenti per la R&S in campo sanitario è destinato a malattie come la malaria e la tubercolosi, nonostante queste malattie rappresentino oltre il 12,5% del carico globale di malattia;
  • il settore pubblico ha contribuito per quasi due terzi agli investimenti in attività di ricerca e sviluppo relative alla salute per malattie trascurate, seguite dai fondi devoluti da associazioni filantropiche;
  • gli Stati Uniti continuano a essere il paese guida negli investimenti su malattie trascurate da fonti pubbliche e filantropiche. In oltre 10 anni di investimenti, gli Stati Uniti hanno contribuito per quasi due terzi all'R&S totale, seguiti dal Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord e dall'Unione europea;
  • gli investimenti del settore privato per le malattie trascurate sono aumentati dal 2012, soprattutto per gli investimenti in HIV/Aids e malaria.



In questo senso l'Osservatorio Oms esamina anche la distribuzione oltre che dei target di malattia e dei relativi invetsimenti, ciò che riguarda i ricercatori.
 
I paesi ad alto reddito hanno in media 40 volte più ricercatori sanitari rispetto ai paesi a basso reddito. Basandosi sui dati provenienti da 60 paesi:
  • la disparità negli investimenti significa che il numero di ricercatori sanitari per milione di abitanti nei paesi varia dal 1140 a Singapore a 0,2 nello Zimbabwe;
  • i ricercatori sulla salute delle donne sono sottorappresentati nei paesi a basso reddito. Mentre il numero medio di ricercatrici nei paesi ad alto reddito è di circa il 51%, questo scende a solo il 27% nei paesi a basso reddito.
  • Gravi squilibri nei flussi di finanziamento indicano che i paesi con livelli comparabili di povertà e di bisogni sanitari ricevono livelli sorprendentemente diversi di assistenza ufficiale allo sviluppo (APS) per la ricerca medica e i settori sanitari di base (ODA per la salute).
  • Nel 2016, tra i Paesi a basso reddito, la Liberia ha ricevuto l'ODA più elevato per la salute pro capite: 3 volte più della media ponderata ricevuta da altri paesi a basso reddito e 3,5 volte più del Madagascar, che quest'anno ha sofferto di un grave focolaio di peste polmonare.
  • Sempre nel 2016, Tuvalu, un paese a reddito medio-alto, ha ricevuto l'ODA pro capite più elevato (60,03 dollari) in tutto il mondo, 286 volte più della media ponderata per il gruppo di reddito medio-alto a cui appartiene, 39 volte di più del Sud Africa e 95 volte di più dell'Albania.
  • Tra le nazioni africane, le Seychelles, un paese ad alto reddito, hanno ricevuto il più alto ammontare di APS per la salute nel 2016. Con 34,17 dollari Usa pro capite, il paese ha ricevuto quasi 8 volte più pro capite rispetto alla media ponderata per questa regione.




Investire in ricerca e sviluppo, sottolinea l’Oms, per scoprire e sviluppare farmaci e vaccini è fondamentale per migliorare l'accesso ai farmaci e un'assistenza sanitaria di qualità per le persone in tutto il mondo e per raggiungere una copertura sanitaria universale. 
L'Osservatorio globale della salute sulla ricerca e lo sviluppo della salute si basa su dati esistenti e relazioni provenienti da un'ampia gamma di fonti nonché su nuove informazioni raccolte per fornire un quadro accurato della situazione attuale degli investimenti e consentire decisioni informate sulle priorità.
 
07 febbraio 2018
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
391