Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
19 NOVEMBRE 2017
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Diabete. Nel 2030 sarà la 7ª causa di morte planetaria. Nel 2015 circa 1,6 milioni di decessi. In Italia sono 18mila. Ecco i dati dell’Oms
Circa l'8% delle donne - 205 milioni - vivono con il diabete in tutto il mondo, oltre la metà nell'Asia Sud-Orientale e nel Pacifico occidentale. Durante la gravidanza, il glucosio aumenta in modo sostanziale il rischio per la salute sia per la madre che per il figlio e cresce il rischio di diabete per il bambino in futuro. Nel 2015, circa 1,6 milioni di morti sono stati causati direttamente dal diabete. Altri 2,2 milioni di morti sono stati attribuibili all'elevato livello di glucosio nel sangue nel 2012. IL RAPPORTO GLOBALE SUL DIABETE DELL'OMS. - LA SCHEDA SULL'ITALIA.
14 NOV - In occasione del World Diabetes Day 2017, l'Oms aderisce con i suoi partner di tutto il mondo per evidenziare il diritto delle donne a un futuro sano. 
Circa l'8% delle donne - 205 milioni - vivono con il diabete in tutto il mondo, oltre la metà nell'Asia Sud-Orientale e nel Pacifico occidentale. 

Durante la gravidanza, il glucosio aumenta in modo sostanziale il rischio per la salute sia per la madre che per il figlio e cresce il rischio di diabete per il bambino in futuro. Quasi la metà delle donne che muoiono nei paesi a basso reddito a causa dell'elevato livello di glucosio nel sangue muoiono prematuramente, prima dell'età di 70 anni.

Il diabete è una causa principale di cecità, insufficienza renale, attacco cardiaco, ictus e amputazione dell'arto inferiore. La dieta sana, l'attività fisica, l’eliminazione dell'uso del tabacco, possono prevenire o ritardare il diabete di tipo 2. 

Inoltre il diabete può essere trattato e le sue conseguenze evitate o ritardate con farmaci, screening regolare e trattamento per le complicazioni. 
Garantire che tali azioni fanno parte delle raccomandazioni del rapporto globale sull'OMS sul diabete avviato nel 2016.

La campagna del Diabete mondiale 2017 promuove un accesso equo a tutte le donne con diabete o a rischio di diabete ai medicinali e alle tecnologie essenziali, l'istruzione per l’autogestione e le informazioni necessarie per ottenere risultati ottimali e rafforzare la capacità di prevenire il diabete di tipo 2.

Attualmente a livello generale il numero di persone con diabete è aumentato da 108 milioni nel 1980 a 422 milioni nel 2014 .
La prevalenza globale del diabete negli adulti di età superiore ai 18 anni è aumentata dal 4,7% del 1980 all'8,5% nel 2014 .
La prevalenza del diabete sta aumentando più rapidamente nei paesi a medio e a basso reddito. Nel 2015, circa 1,6 milioni di morti sono stati causati direttamente dal diabete. Altri 2,2 milioni di morti sono stati attribuibili all'elevato livello di glucosio nel sangue nel 2012.

Quasi la metà di tutte le morti attribuibili all'elevato livello di glucosio nel sangue si verificano prima dell'età di 70 anni. L'Oms prevede che il diabete sarà la settima causa di morte nel 2030.

Una dieta sana, un'attività fisica regolare, mantenendo un peso corporeo normale e evitando l'uso del tabacco sono modi per prevenire o ritardare l'insorgenza del diabete di tipo 2.  Il diabete può essere trattato e le sue conseguenze evitate o ritardate con la dieta, l'attività fisica, i farmaci e la screening regolare e il trattamento delle complicazioni.
 
Nel tempo, il diabete può danneggiare il cuore, i vasi sanguigni, gli occhi, i reni e i nervi.

Gli adulti con diabete hanno un rischio aumentato da due a tre volte maggiore di attacchi cardiaci  e, combinata con un flusso sanguigno ridotto, la neuropatia nei piedi aumenta la possibilità di ulcere, infezione ed eventuali necessità di amputazione dell'arto.

La retinopatia diabetica è una causa importante della cecità e si verifica a causa di danni accumulati a lungo termine ai piccoli vasi sanguigni della retina. Il 2,6% della cecità globale può essere attribuito al diabete .

Il diabete inoltre è tra le principali cause di insufficienza renale.

Gli stili di vita sani si sono dimostrati efficaci nel prevenire o ritardare l'insorgenza del diabete di tipo 2. 

Per aiutare a prevenire il diabete di tipo 2 e le sue complicazioni, le persone dovrebbero:
· raggiungere e mantenere un peso corporeo sano;
· essere fisicamente attivi: almeno 30 minuti di attività regolare e moderata di intensità nella maggior parte dei giorni. Più attività sono necessarie per il controllo del peso;
· alimentarsi con una dieta sana, evitando lo zucchero e l'assunzione di grassi saturi; 
·  evitare l'uso del tabacco:  il fumo aumenta il rischio di diabete e malattie cardiovascolari.

L'Oms intende stimolare e sostenere l'adozione di misure efficaci per la sorveglianza, la prevenzione e il controllo del diabete e delle sue complicazioni, in particolare nei paesi a basso e medio reddito. 

Per questo l'Oms:
· fornisce linee guida scientifiche per la prevenzione delle principali malattie non comunicabili tra cui il diabete;
· sviluppa norme e standard per la diagnosi e la cura del diabete;
· sviluppa la consapevolezza sull'epidemia globale del diabete, segnando il giorno del diabete mondiale (14 novembre); 
· conduce la sorveglianza del diabete e dei suoi fattori di rischio.

Il "Rapporto globale sul diabete" dell’Oms fornisce una panoramica del carico del diabete, degli interventi disponibili per prevenire e gestire il diabete e raccomandazioni per i governi, gli individui, la società civile e il settore privato.

L'Oms fornisce anche i profili delle varie nazioni sul diabete. Per quanto riguarda l'Italia la scheda Oms sottolinea oltre 18mila morti attribuibili al diabete (il 4% delle morti totali)  e più di 32mila a un alto tasso di glucosio nel sangue.

La prevalenza del diabete è dell'8,5% medio e tra i fattori di rischio il sovrappeso conta per il 64%, seguito dall'inattività fisica (35,9%) e dall'obesità (23,7%).  


IL QUIZ OMS "QUANTO SAI SUL DIABETE"
 

 
14 novembre 2017
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
379