Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 03 OTTOBRE 2022
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Papilloma virus. Dopo il Covid la Svezia cambia strategia e lancia il test “fai da te”. Obiettivo: eradicare il cancro alla cervice in 5 anni
Per 3 mesi nessuno ha potuto accedere allo screening del cancro alla cervice. Quindi, quando il programma nazionale è stato riavviato, i requisiti di distanziamento sociale hanno impedito alle cliniche di fornire il test guidato dal medico. Per risolvere il problema, sono stati inviati kit di auto test HPV a tutte le donne idonee nel paese, comprese quelle di età compresa tra 23 e 29 anni a cui era stato precedentemente offerto uno screening citologico, condotto da un clinico.
09 SET -

“Con le nuove misure contro il papillomavirus umano (HPV), prevediamo che l'eliminazione del cancro alla cervice in Svezia potrebbe avvenire tra 5 anni. Se la pandemia non si fosse verificata, sarebbe stato molto, molto più lento".

A parlare è il professor Joakim Dillner, uno specialista del cancro al Karolinska Institutet in Svezia che spiega come il paese sia stato costretto a ripensare il suo approccio allo screening del cancro alla cervice quando l'assistenza sanitaria non di emergenza si è interrotta nella regione della capitale nell'aprile 2020 a causa della pandemia di COVID-19. 

Per 3 mesi nessuno ha potuto accedere allo screening del cancro alla cervice; quindi, quando il programma nazionale è stato riavviato, i requisiti di distanziamento sociale hanno impedito alle cliniche di fornire il test guidato dal medico.

Per risolvere il problema, sono stati inviati kit di auto test HPV a tutte le donne idonee nel paese, comprese quelle di età compresa tra 23 e 29 anni a cui era stato precedentemente offerto uno screening citologico (comunemente chiamato Pap test), condotto da un clinico. 

La regione di Stoccolma, dove sono stati inviati 330.000 kit di auto test, ha visto un drammatico aumento del 10% della copertura dei test sulla popolazione, dal 75% all'85%, in appena 1 anno.

Alta copertura, basso costo
Anche se più donne venivano sottoposte a screening, i risultati hanno mostrato che l'auto test dell'HPV ha rilevato un minor numero di infezioni da HPV nelle persone di età compresa tra 23 e 29 anni, poiché molte di queste donne erano state vaccinate contro l'HPV a scuola. 

In precedenza, a questa fascia di età era stato offerto solo il campionamento basato sulla citologia, che è meno sensibile e meno soggetto a un trattamento eccessivo. Il governo svedese ora include questo gruppo nel programma nazionale di screening dell'HPV.

“Il kit di auto test non è uno strumento altamente specializzato. È fondamentalmente simile a un pennello per mascara che una donna potrebbe usare per le ciglia”, afferma il professor Dillner. "Si tratta di kit di campionamento molto semplici ed economici che fanno parte del test di screening dell'HPV".

Il professor Dillner desidera anche sottolineare che il basso costo dei kit potrebbe essere un fattore cruciale per l'introduzione dell'auto test HPV su scala globale, poiché non tutti i paesi possono sostenere grandi spese. 

Anche considerando il costo delle analisi di laboratorio, afferma, “l'auto test rappresenta un grande risparmio per i servizi sanitari rispetto ai costi di tempo necessari per far eseguire un test a un medico”.

Tuttavia, l'ufficiale tecnico senior dell'OMS, la dott.ssa Marilys Corbex, spiega che l'auto test dell'HPV può incontrare resistenza in molti paesi in cui lo screening del cancro alla cervice viene effettuato da medici generici formati in ginecologia, che ricevono un fee economico per queste attività. 

Inoltre, il dottor Corbex afferma che è importante che le donne non si auto-campionano ogni volta che vogliono, perché potremmo avere situazioni in cui alcune lo faranno troppo spesso e altre troppo raramente. 

Per Corbex l’autoscreening deve essere fatto all'interno della popolazione target e come parte di un programma di screening organizzato per essere efficace e garantire che ogni donna venga testata al momento giusto. 

Secondo le raccomandazioni dell'OMS, la popolazione target per lo screening sono le donne di età pari o superiore a 30 anni e le donne di età pari o superiore a 25 anni che convivono con l'HIV. 

"Ogni campione deve essere analizzato e ciò comporta un costo", sottolinea il dott. Corbex. "Inoltre, se il risultato è positivo, è necessario predisporre una diagnosi adeguata e un follow-up del trattamento per la donna, come parte di un sistema organizzato".

Crisi e innovazione
“In Svezia, probabilmente non sarebbe mai successo se non fossimo stati costretti a cambiare. Avremmo continuato a impiegare molti medici e infermieri per prelevare questi campioni quando in realtà non era necessario. Abbiamo anche ottenuto una copertura della popolazione molto più alta semplicemente dandola direttamente alle donne. Quindi è qualcosa su cui vale la pena pensare”, sottolinea il professor Dillner.

Oltre a ridurre l'onere dei costi, insiste sul fatto che un cambiamento di mentalità potrebbe aiutare a superare le barriere nell'implementazione dell'auto test HPV in altre parti del mondo. Nell'ambito di un programma nazionale di screening organizzato, ad esempio, le donne non devono necessariamente avere un indirizzo fisico o una casella di posta per beneficiare dell'auto test HPV. 

"Puoi presentarti con un contenitore pieno di kit di auto test e distribuirli in un mercato o in un villaggio al mattino, e poi aspettare che vengano restituiti più tardi quel giorno", suggerisce il professor Dillner. Aggiunge: "È davvero abbastanza facile, soprattutto perché molti paesi a basso e medio reddito hanno metodi molto avanzati per l'identificazione elettronica".

Un cambio di mentalità
A luglio 2022 entreranno in vigore in Svezia nuove normative governative che consentono alle donne di scegliere se vogliono utilizzare un kit di auto test o essere visitate da un medico. Ciò libererà risorse in modo che anche le donne che vengono per il loro primo test di screening possano essere vaccinate allo stesso tempo e gli sforzi di follow-up possano essere concentrati su quelle donne che risultano positive all'infezione da HPV che causa il cancro. 

"Era necessario un cambiamento di mentalità", afferma il professor Dillner. “Quando tutto si è fermato, abbiamo dovuto pensare a qualcosa di completamente diverso. L'aspettativa è che a molte donne sarà impedito di sviluppare il cancro alla cervice e che progrediremo più rapidamente sulla strada per raggiungere l'obiettivo dell'OMS di eliminazione del cancro alla cervice".

Il professor Dillner conclude: “Molte cose sono possibili quando ti rendi conto che non hai bisogno di pensare come hai sempre fatto. È importante cercare di risolvere i problemi che emergono in un modo alternativo. Penso che l'auto test sia un enorme punto di svolta".

Fonte: Oms Europa

 

09 settembre 2022
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
107091