Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 27 GIUGNO 2022
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Vaiolo delle scimmie. Vicini ai 100 casi nel mondo. Oms: “Grandi eventi potenzialmente rischiosi per questo i partecipanti dovrebbero essere ben informati sulle misure preventive”
Sabato scorso l’Oms ha fatto il punto sulla situazione dei casi in tutto il Mondo. Nei paesi non endemici, un caso va considerato un focolaio. A causa dei rischi per la salute pubblica associati a un singolo caso di vaiolo delle scimmie, i medici dovrebbero segnalare immediatamente i casi sospetti alle autorità sanitarie pubbliche nazionali o locali, indipendentemente dal fatto che stiano esplorando anche altre potenziali diagnosi. Evitare qualsiasi forma di stigmatizzazione di alcuni gruppi come gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM) e nessuna restrizione ai viaggi.
23 MAG -

Al 21 maggio, alle ore 13:00, erano 92 i casi confermati di laboratorio e 28 i casi sospetti di vaiolo delle scimmie con indagini in corso segnalati all'OMS da 12 Stati membri che non sono endemici per il virus del vaiolo delle scimmie, in tre regioni dell'OMS. Finora non sono stati segnalati decessi associati.

I casi segnalati finora non hanno stabilito collegamenti di viaggio con un'area endemica. Sulla base delle informazioni attualmente disponibili, i casi sono stati identificati principalmente, ma non esclusivamente, tra uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM) in cerca di cure primarie e cliniche di salute sessuale.

Ad oggi, tutti i casi i cui campioni sono stati confermati dalla PCR e sono stati identificati come infetti dal clade dell'Africa occidentale. La sequenza del genoma di un campione di tampone di un caso confermato in Portogallo, ha indicato una stretta corrispondenza tra il virus del vaiolo delle scimmie che causa l'attuale focolaio e i casi esportati dalla Nigeria nel Regno Unito, Israele e Singapore nel 2018 e nel 2019.

Tabella 1. Casi di vaiolo delle scimmie in paesi non endemici segnalati all'OMS tra il 13 e il 21 maggio 2022 alle 13:00

Figura 1. Distribuzione geografica dei casi confermati e sospetti di vaiolo delle scimmie in soggetti non endemici tra il 13 e il 21 maggio 2022, alle 13:00

L’Oms ribadisce che l'identificazione di casi confermati e sospetti di vaiolo delle scimmie senza collegamenti diretti con un'area endemica rappresenta un evento altamente insolito. Finora la sorveglianza nelle aree non endemiche è stata limitata, ma ora si sta espandendo e l'OMS prevede che verranno segnalati sempre più casi in aree non endemiche. Le informazioni disponibili suggeriscono che la trasmissione da uomo a uomo si sta verificando tra persone a stretto contatto fisico con casi sintomatici.

Oltre a questo nuovo focolaio, l'OMS continua a ricevere aggiornamenti sullo stato delle segnalazioni in corso di casi di vaiolo delle scimmie attraverso meccanismi di sorveglianza consolidati (sorveglianza e risposta integrate delle malattie) per i casi nei paesi endemici (Benin, Camerun, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, Gabon, Ghana, identificato solo negli animali, Costa d'Avorio, Liberia, Nigeria, Repubblica del Congo, Sierra Leone, e Sud Sudan), come riepilogato nella tabella 2. 

 Tabella 2. Casi di vaiolo delle scimmie nei paesi endemici tra il 15 dicembre 2021 e il 1 maggio 2022

Epidemiologia della malattia
Il vaiolo delle scimmie è una zoonosi virale (un virus trasmesso all'uomo dagli animali) con sintomi molto simili a quelli osservati in passato nei pazienti con vaiolo, sebbene sia clinicamente meno grave. 

È causato dal virus del vaiolo delle scimmie che appartiene al genere orthopoxvirus della famiglia Poxviridae. Esistono due cladi di virus del vaiolo delle scimmie: il clade dell'Africa occidentale e il clade del bacino del Congo (Africa centrale). Il nome monkeypox deriva dalla scoperta iniziale del virus nelle scimmie in un laboratorio danese nel 1958. Il primo caso umano è stato identificato in un bambino nella Repubblica Democratica del Congo nel 1970.

Il virus Monkeypox viene trasmesso da una persona all'altra per stretto contatto con lesioni, fluidi corporei, goccioline respiratorie e materiali contaminati come lettiere. Il periodo di incubazione del vaiolo delle scimmie è generalmente compreso tra 6 e 13 giorni, ma può variare da 5 a 21 giorni.

Varie specie animali sono state identificate come suscettibili al virus del vaiolo delle scimmie. Permangono incertezze sulla storia naturale del virus del vaiolo delle scimmie e sono necessari ulteriori studi per identificare i serbatoi esatti e come viene mantenuta la circolazione del virus in natura. Il consumo di carne e altri prodotti animali di animali infetti non adeguatamente cucinati è un possibile fattore di rischio.

Il vaiolo delle scimmie è solitamente autolimitante, ma può essere grave in alcuni individui, come bambini, donne in gravidanza o persone con soppressione immunitaria a causa di altre condizioni di salute. Le infezioni umane con il clade dell'Africa occidentale sembrano causare malattie meno gravi rispetto al clade del bacino del Congo, con un tasso di mortalità del 3,6% rispetto al 10,6% per il clade del bacino del Congo.

Valutazione del rischio dell'OMS
La malattia endemica del vaiolo delle scimmie è normalmente geograficamente limitata all'Africa occidentale e centrale. L'identificazione di casi confermati e sospetti di vaiolo delle scimmie senza alcuna storia di viaggio in un'area endemica in più paesi è atipica, quindi è urgente aumentare la consapevolezza sul vaiolo delle scimmie e intraprendere la ricerca e l'isolamento completi dei casi (forniti con cure di supporto), contattare tracciabilità e cure di supporto per limitare l'ulteriore trasmissione in avanti.

L'immunità incrociata dalla vaccinazione contro il vaiolo sarà limitata alle persone anziane, poiché le popolazioni di tutto il mondo di età inferiore ai 40 o 50 anni non beneficiano più della protezione offerta dai precedenti programmi di vaccinazione contro il vaiolo. C'è poca immunità al vaiolo delle scimmie tra i giovani che vivono in paesi non endemici dove il virus non è stato finora presente.

Storicamente, la vaccinazione contro il vaiolo ha dimostrato di essere protettiva contro il vaiolo delle scimmie. Sebbene un vaccino (MVA-BN) e un trattamento specifico (tecovirimat) siano stati approvati per il vaiolo delle scimmie, rispettivamente nel 2019 e nel 2022 queste contromisure non sono ancora ampiamente disponibili.

Sulla base delle informazioni attualmente disponibili, i casi sono stati identificati principalmente, ma non esclusivamente, tra uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM). 

Ad oggi non sono stati segnalati decessi. Tuttavia, l'entità della trasmissione locale non è chiara in questa fase, poiché la sorveglianza è stata limitata. Esiste un'elevata probabilità di identificazione di ulteriori casi con catene di trasmissione non identificate, anche in altri gruppi di popolazione. 

La situazione si sta evolvendo e l'OMS prevede che ci saranno più casi di vaiolo delle scimmie identificati man mano che la sorveglianza si espanderà nei paesi non endemici. Finora, non ci sono stati decessi associati a questo focolaio. 

Le azioni immediate si concentrano sull'informazione delle persone più a rischio di infezione da vaiolo delle scimmie con informazioni accurate, sull'arresto di un'ulteriore diffusione e sulla protezione dei lavoratori in prima linea.

Consiglio dell'OMS
Qualsiasi paziente con sospetto vaiolo delle scimmie dovrebbe essere indagato e, se confermato, isolato fino a quando le lesioni non si sono incrostate, la crosta è caduta e si è formato un nuovo strato di pelle al di sotto.

I paesi dovrebbero essere in allerta per i segnali relativi ai pazienti che presentano un'eruzione cutanea atipica che progredisce in fasi sequenziali - macule, papule, vescicole, pustole, croste, allo stesso stadio di sviluppo su tutte le aree del corpo interessate - che possono essere associati con febbre, linfonodi ingrossati, mal di schiena e dolori muscolari. 

 Aumentare la consapevolezza tra le comunità potenzialmente colpite, così come gli operatori sanitari e gli operatori di laboratorio, è essenziale, ricorda l’Oms, per identificare e prevenire ulteriori casi secondari e una gestione efficace dell'attuale focolaio.

Considerazioni relative alla sorveglianza e alla segnalazione

Sorveglianza

Nei paesi non endemici, un caso va considerato un focolaio. A causa dei rischi per la salute pubblica associati a un singolo caso di vaiolo delle scimmie, i medici dovrebbero segnalare immediatamente i casi sospetti alle autorità sanitarie pubbliche nazionali o locali, indipendentemente dal fatto che stiano esplorando anche altre potenziali diagnosi. I casi dovrebbero essere segnalati immediatamente, in base alle definizioni dei casi di cui sopra o alle definizioni dei casi personalizzate a livello nazionale. I casi probabili e confermati dovrebbero essere segnalati immediatamente all'OMS tramite i punti focali nazionali (NFP) dell'IHR ai sensi del regolamento sanitario internazionale (IHR 2005).

I paesi dovrebbero essere in allerta per segnali relativi a pazienti che presentano eruzioni cutanee, lesioni vescicolari o pustolose o linfoadenopatie insolite, spesso associate a febbre. La sorveglianza per la malattia simile a un'eruzione cutanea dovrebbe essere intensificata e dovrebbe essere fornita una guida per la raccolta di campioni di pelle per i test di conferma.

Segnalazione

Le segnalazioni di casi dovrebbero includere almeno le seguenti informazioni: data della segnalazione; luogo di segnalazione; nome, età, sesso e residenza del caso; data di insorgenza dei primi sintomi; storia di viaggio recente; esposizione recente a un caso probabile o confermato; relazione e natura del contatto con casi probabili o confermati (ove pertinente); storia recente di partner sessuali multipli o anonimi; stato di vaccinazione contro il vaiolo; presenza di eruzione cutanea; presenza di altri segni o sintomi clinici come da definizione di caso; data di conferma (ove effettuata); modalità di conferma (ove effettuata); caratterizzazione genomica (se disponibile); altri risultati clinici o di laboratorio rilevanti, in particolare per escludere cause comuni di eruzione cutanea secondo la definizione del caso; se ricoverato in ospedale; data di ricovero (ove effettuato); e l'esito al momento della segnalazione.

Considerazioni relative all'indagine sul caso
Durante le epidemie umane di vaiolo delle scimmie, lo stretto contatto fisico con persone infette è il fattore di rischio più significativo per l'infezione da virus del vaiolo delle scimmie. Se si sospetta il vaiolo delle scimmie, l'indagine dovrebbe consistere in:
(i) esame clinico del paziente utilizzando adeguate misure di prevenzione e controllo delle infezioni (IPC),
(ii) interrogare il paziente sulle possibili fonti di infezione e sulla presenza di malattie simili nella comunità del paziente e contatti, e (iii) raccolta e spedizione sicura di campioni per l'esame di laboratorio del vaiolo delle scimmie. 

L'indagine sull'esposizione dovrebbe coprire il periodo compreso tra cinque e 21 giorni prima dell'insorgenza dei sintomi. Qualsiasi paziente con sospetto vaiolo delle scimmie deve essere isolato durante i periodi infettivi presunti e noti, cioè durante gli stadi prodromici e rash della malattia, rispettivamente. La conferma di laboratorio dei casi sospetti è importante ma non dovrebbe ritardare l'attuazione delle azioni di sanità pubblica. La sospetta presenza di una malattia simile nella comunità del paziente o tra i contatti dovrebbe essere ulteriormente studiata (nota anche come "tracciamento dei contatti all'indietro").

I casi retrospettivi trovati dalla ricerca attiva potrebbero non presentare più i sintomi clinici del vaiolo delle scimmie (si sono ripresi da una malattia acuta) ma possono presentare cicatrici e altre sequele. È importante raccogliere informazioni epidemiologiche da casi retrospettivi oltre a quelli attivi. I casi retrospettivi non possono essere confermati in laboratorio; tuttavia, il siero di casi retrospettivi può essere raccolto e testato per gli anticorpi anti-ortopoxvirus per aiutare nella classificazione dei casi.

I campioni prelevati da persone con sospetto vaiolo delle scimmie o animali con sospetta infezione da virus del vaiolo delle scimmie devono essere maneggiati in sicurezza da personale addestrato che lavora in laboratori adeguatamente attrezzati. Le normative nazionali e internazionali sul trasporto di sostanze infettive devono essere rigorosamente seguite durante l'imballaggio del campione e il trasporto ai laboratori di prova. È necessaria un'attenta pianificazione per considerare la capacità dei test di laboratorio nazionali. I laboratori clinici dovrebbero essere informati in anticipo dei campioni da presentare da persone con sospetto o accertato vaiolo delle scimmie, in modo che possano ridurre al minimo i rischi per gli operatori di laboratorio e, se del caso, eseguire in sicurezza i test di laboratorio essenziali per l'assistenza clinica.

Considerazioni relative al tracciamento dei contatti
Il tracciamento dei contatti è una misura chiave di salute pubblica per controllare la diffusione di agenti patogeni di malattie infettive come il virus del vaiolo delle scimmie. Consente l'interruzione della trasmissione e può anche aiutare le persone a più alto rischio di sviluppare malattie gravi a identificare più rapidamente la loro esposizione, in modo che il loro stato di salute possa essere monitorato e possano cercare assistenza medica più velocemente se diventano sintomatiche. 
Nel contesto attuale, non appena viene identificato un caso sospetto, è opportuno avviare l'identificazione e il tracciamento dei contatti. I pazienti del caso dovrebbero essere intervistati per ottenere i nomi e le informazioni di contatto di tutte queste persone. I contatti devono essere notificati entro 24 ore dall'identificazione.

Definizione di un contatto
Un contatto è definito come una persona che, nel periodo che inizia con l'inizio dei primi sintomi del caso di origine e termina quando tutte le croste sono cadute, ha avuto una o più delle seguenti esposizioni con un caso probabile o confermato di vaiolo delle scimmie:

  • esposizione faccia a faccia (compresi gli operatori sanitari senza DPI adeguati)
  • contatto fisico diretto, compreso il contatto sessuale
  • contatto con materiali contaminati come indumenti o biancheria da letto

Identificazione del contatto
I casi possono essere richiesti per identificare i contatti in una serie di contesti, tra cui famiglia, posto di lavoro, scuola/asilo nido, contatti sessuali, assistenza sanitaria, luoghi di culto, trasporti, sport, incontri sociali e qualsiasi altra interazione ricordata. Gli elenchi delle presenze, i manifesti dei passeggeri, ecc. possono essere ulteriormente utilizzati per identificare i contatti.

Monitoraggio dei contatti
I contatti devono essere monitorati almeno quotidianamente per l'insorgenza di segni/sintomi per un periodo di 21 giorni dall'ultimo contatto con un paziente o con i suoi materiali contaminati durante il periodo infettivo. Segni/sintomi di preoccupazione includono mal di testa, febbre, brividi, mal di gola, malessere, affaticamento, eruzione cutanea e linfoadenopatia. 

I contatti dovrebbero monitorare la loro temperatura due volte al giorno. I contatti asintomatici non devono donare sangue, cellule, tessuti, organi, latte materno o sperma mentre sono sotto sorveglianza dei sintomi. I contatti asintomatici possono continuare le attività quotidiane di routine come andare al lavoro e frequentare la scuola (cioè non è necessaria la quarantena), ma dovrebbero rimanere vicino a casa per tutta la durata della sorveglianza. Tuttavia, può essere prudente escludere i bambini in età prescolare dall'asilo nido, dall'asilo nido o da altri contesti di gruppo.

Le opzioni per il monitoraggio da parte delle autorità sanitarie pubbliche dipendono dalle risorse disponibili. I contatti possono essere monitorati passivamente, attivamente o direttamente.

  • Nel monitoraggio passivo, ai contatti identificati vengono fornite informazioni sui segni/sintomi da monitorare, sulle attività consentite e su come contattare il dipartimento di sanità pubblica in caso di comparsa di segni/sintomi.
  • Il monitoraggio attivo è quando i funzionari della sanità pubblica sono responsabili del controllo almeno una volta al giorno per vedere se una persona sotto monitoraggio ha segni/sintomi auto-riferiti.
  • Il monitoraggio diretto è una variazione del monitoraggio attivo che comporta almeno una visita fisica quotidiana o un esame visivo tramite video per segni di malattia.

Un contatto che sviluppa segni/sintomi iniziali diversi dall'eruzione cutanea deve essere isolato e osservato attentamente per i segni di eruzione cutanea per i successivi sette giorni. Se non si sviluppa alcuna eruzione cutanea, il contatto può tornare al monitoraggio della temperatura per il resto dei 21 giorni. Se il contatto sviluppa un'eruzione cutanea, devono essere isolati e valutati come un caso sospetto e deve essere raccolto un campione per l'analisi di laboratorio per testare il vaiolo delle scimmie.

Monitoraggio degli operatori sanitari e dei caregiver esposti
Qualsiasi operatore sanitario o membro della famiglia che si sia preso cura di una persona con probabile o confermato vaiolo delle scimmie dovrebbe prestare attenzione allo sviluppo di sintomi che potrebbero suggerire un'infezione da vaiolo delle scimmie, specialmente entro il periodo di 21 giorni dopo l'ultima data di cura. Gli operatori sanitari dovrebbero notificare il controllo delle infezioni, la salute sul lavoro e le autorità sanitarie pubbliche per essere guidati su una valutazione medica.

Gli operatori sanitari che hanno esposizioni non protette (cioè non indossano DPI appropriati) a pazienti con vaiolo delle scimmie o materiali potenzialmente contaminati non devono essere esclusi dal lavoro se asintomatici, ma dovrebbero essere sottoposti a sorveglianza attiva per i sintomi, che include la misurazione della temperatura almeno due volte giornalmente per 21 giorni dopo l'esposizione. Prima di presentarsi al lavoro ogni giorno, l'operatore sanitario dovrebbe essere intervistato in merito all'evidenza di eventuali segni/sintomi rilevanti come sopra.

Gli operatori sanitari che si sono presi cura o sono stati in altro modo in contatto diretto o indiretto con pazienti affetti da vaiolo delle scimmie mentre aderiscono alle misure IPC raccomandate possono essere sottoposti ad automonitoraggio o monitoraggio attivo come stabilito dalle autorità sanitarie pubbliche locali.

La vaccinazione post-esposizione (idealmente entro quattro giorni dall'esposizione) può essere presa in considerazione da alcuni paesi per contatti a rischio più elevato come gli operatori sanitari, compreso il personale di laboratorio.

Tracciamento dei contatti relativi al viaggio
I funzionari della sanità pubblica dovrebbero collaborare con gli operatori di viaggio e le controparti della sanità pubblica in altri luoghi per valutare i potenziali rischi e per contattare i passeggeri e altre persone che potrebbero aver avuto contatti con un paziente infetto durante il transito.

Considerazioni relative alla comunicazione del rischio e al coinvolgimento della comunità
La comunicazione bidirezionale sui rischi correlati al vaiolo delle scimmie e il coinvolgimento delle comunità a rischio e colpite sulla prevenzione, l'individuazione e la cura sono essenziali per prevenire l'ulteriore diffusione del vaiolo delle scimmie e controllare l'attuale focolaio.

Ciò include la fornitura di consulenza sulla salute pubblica attraverso i canali utilizzati dal pubblico di destinazione su come si trasmette la malattia, i suoi sintomi, le misure preventive e cosa fare in caso di infezione sospetta o confermata. Questo dovrebbe essere combinato con un impegno mirato della comunità verso i gruppi della popolazione più a rischio, lavorando a stretto contatto con gli operatori sanitari, comprese le cliniche per la salute sessuale, e le organizzazioni della società civile.

La comunicazione del rischio dovrebbe essere informata da approfondimenti provenienti dall'ascolto sociale che rilevano il sentimento pubblico e dovrebbe affrontare tempestivamente possibili voci e disinformazione. 

Le informazioni e i consigli sanitari dovrebbero essere forniti evitando qualsiasi forma di stigmatizzazione di alcuni gruppi come gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM).

I messaggi chiave includono quanto segue:

  • Prevenzione - Qualcuno che ha un contatto diretto con una persona infetta, compreso il contatto sessuale, può contrarre il vaiolo delle scimmie. I passaggi per l'autoprotezione includono evitare il contatto pelle a pelle o faccia a faccia con chiunque abbia sintomi, praticare sesso più sicuro, tenere le mani pulite con acqua e sapone o strofinare le mani a base di alcol e mantenere l'etichetta respiratoria.
  • Rilevamento e cura - Se le persone sviluppano un'eruzione cutanea, accompagnata da febbre o da una sensazione di disagio o malattia, devono contattare il proprio medico e sottoporsi al test per il vaiolo delle scimmie. Se qualcuno è sospettato o confermato di avere il vaiolo delle scimmie, dovrebbe isolarsi fino a quando le croste non sono cadute e astenersi dal sesso, compreso il sesso orale. Durante questo periodo, i pazienti possono ricevere un trattamento di supporto per alleviare i sintomi del vaiolo delle scimmie. Chiunque si prenda cura di una persona malata di vaiolo delle scimmie dovrebbe utilizzare misure di protezione individuale appropriate, incluso indossare una maschera e pulire oggetti e superfici che sono state toccate.
  • Segnalazione - Qualsiasi malattia simile a un'eruzione cutanea durante il viaggio o al ritorno deve essere immediatamente segnalata a un operatore sanitario, comprese le informazioni su tutti i viaggi recenti, la storia sessuale e la storia di vaccinazione contro il vaiolo. I residenti e i viaggiatori nei paesi endemici del vaiolo delle scimmie dovrebbero evitare il contatto con mammiferi malati come roditori, marsupiali, primati non umani (morti o vivi) che potrebbero ospitare il virus del vaiolo delle scimmie e dovrebbero astenersi dal mangiare o maneggiare selvaggina (carne di cespuglio).

Considerazioni relative ai grandi raduni
I media hanno sollevato preoccupazioni in merito all'amplificazione della diffusione del virus del vaiolo delle scimmie nel contesto di grandi raduni e in effetti, sottolinea l’Oms, i grandi raduni possono rappresentare un ambiente favorevole per la trasmissione del virus del vaiolo delle scimmie in quanto comportano interazioni strette, prolungate e frequenti tra le persone, che a loro volta possono esporre i partecipanti al contatto con lesioni, fluidi corporei, goccioline respiratorie e materiali contaminati.

Mentre i meccanismi esatti di trasmissione dell'attuale epidemia di vaiolo delle scimmie sono ancora in fase di studio e probabilmente differiscono da quelli di SARS-CoV-2, è importante ricordare che le misure precauzionali generali raccomandate contro COVID-19 dovrebbero anche proteggere ampiamente dalla trasmissione del virus del vaiolo delle scimmie.

In ogni caso, sottolinea l’Oms, al momento non sono necessarie misure specifiche per quanto riguarda lo svolgimento, il rinvio o l'annullamento di un raduno di massa nelle aree in cui sono stati rilevati casi di vaiolo delle scimmie, ma è comunque importante promuovere informazioni sulla prevenzione e i rischi con i potenziali partecipanti a raduni di massa.

Considerazioni relative alla gestione clinica e alla prevenzione e al controllo delle infezioni in ambito sanitario
Gli operatori sanitari che si prendono cura dei pazienti con sospetto o accertato vaiolo delle scimmie devono attuare precauzioni standard, di contatto e di goccioline. Queste precauzioni sono applicabili in qualsiasi struttura sanitaria, compresi i servizi ambulatoriali e gli ospedali. Le precauzioni standard includono il rigoroso rispetto dell'igiene delle mani, la manipolazione appropriata delle apparecchiature mediche contaminate, il bucato, i rifiuti e la pulizia e disinfezione delle superfici ambientali.

Si raccomanda l'isolamento tempestivo dei casi sospetti o confermati in un unico locale con ventilazione adeguata, bagno dedicato e personale. La coorte (confermato con confermato, sospetto con sospetto) può essere implementata se non sono disponibili camere singole, garantendo una distanza minima di 1 metro tra i pazienti. I dispositivi di protezione individuale (DPI) consigliati includono guanti, camice, maschera medica e protezione per gli occhi - occhiali o visiera. Il paziente deve inoltre essere istruito a indossare una mascherina medica quando entra in stretto contatto (meno di 1 m) con operatori sanitari o altri pazienti, se possono tollerarlo. Inoltre, è possibile utilizzare una benda, un lenzuolo o un camice per coprire le lesioni al fine di ridurre al minimo il potenziale contatto con le lesioni. I DPI devono essere smaltiti prima di lasciare l'area di isolamento in cui è ricoverato il paziente.

Se le procedure di generazione di aerosol (AGP) (ad es. aspirazione o aspirazione aperta di campioni delle vie respiratorie, broncoscopia, intubazione, rianimazione cardiopolmonare) sono necessarie per qualsiasi motivo e non possono essere ritardate, come pratica standard, un respiratore (FFP2 o EN equivalente certificato o N95 certificato US NIOSH) deve essere utilizzato dagli operatori sanitari al posto di una maschera medica.

L'isolamento e le precauzioni basate sulla trasmissione devono essere continuate fino alla risoluzione dei sintomi (compresa la risoluzione di eventuali eruzioni cutanee e croste che sono cadute e sono guarite).

L'adozione di contromisure farmaceutiche, inclusi specifici antivirali (ad es. tecovirimat, che è approvato per il vaiolo delle scimmie, ma non ancora ampiamente disponibile) può essere presa in considerazione nell'ambito di protocolli di uso sperimentale o compassionevole, in particolare per coloro che presentano sintomi gravi o che possono essere a rischio di scarsi risultati. come quelli con soppressione immunitaria). 

C'è un vaccino recentemente approvato per il vaiolo delle scimmie che non è però ancora ampiamente disponibile. Alcuni paesi possono detenere prodotti vaccinali contro il vaiolo che potrebbero essere presi in considerazione per l'uso secondo le linee guida nazionali. Qualsiasi richiesta di prodotti vaccinali potrebbe essere potenzialmente disponibile in quantità limitate tramite le autorità nazionali, a seconda del Paese.

Sulla base delle informazioni disponibili in questo momento, l'OMS non raccomanda agli Stati membri di adottare misure relative ai viaggi internazionali sia per i viaggiatori in entrata che per quelli in partenza.

 

23 maggio 2022
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
104961