Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 26 MAGGIO 2022
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Ema: “Ricordiamoci quanto siamo fortunati a vivere in un mondo in cui esistono i vaccini. Ma siamo sommersi da uno tsunami di fake news”
Malattie mortali sono state sconfitte e grazie ai vaccini anti Covid sono state evitate 470mila morti di over 60 in Europa. “Ma i vaccini più sicuri ed efficaci non valgono nulla se le persone non li prendono”, sottolinea Ema che denuncia: “Nonostante gli enormi benefici per l'umanità, per noi stessi, i nostri figli e i nostri genitori, la fiducia nei vaccini è diminuita negli ultimi anni, a causa di uno tsunami di fake news”.
27 APR - “La Settimana europea dell'immunizzazione, che si svolge ogni anno dal 24 al 30 aprile, è una grande opportunità per ricordare a noi stessi quanto siamo fortunati a vivere in un mondo in cui esistono i vaccini”, così l’Ema in una nota sul suo sito web dove riepiloga i grandi successi dei vaccini nella storia dell’umanità. 

“Abbiamo vaccini contro più di 20 malattie potenzialmente letali tra cui poliomielite, difterite, tetano, pertosse, COVID-19, influenza e morbillo. Si stima – ricorda Ema - che questi vaccini prevengano tra i due ei tre milioni di morti ogni anno in tutto il mondo”.

E grazie ai vaccini, sottolinea ancora l’Agenzia del farmaco europea, le persone di tutte le età, di tutti i continenti, “hanno già la possibilità di vivere vite più lunghe, più sane e più appaganti”.

Una breve storia dei vaccini più importanti
Non molto tempo fa il morbillo era un grave killer di bambini. Tra il 2000 e il 2018, i decessi per morbillo sono diminuiti di tre quarti (73%) in tutto il mondo con i vaccini che hanno prevenuto circa 23,2 milioni di decessi durante questo periodo. 

La poliomielite è una malattia devastante che colpisce principalmente i bambini di età inferiore ai cinque anni e spesso porta a una paralisi irreversibile. Tra i paralizzati, dal 5% al ​​10% muore quando i muscoli respiratori vengono immobilizzati. Come risultato diretto dell'immunizzazione, il mondo è più vicino che mai all'eradicazione della poliomielite.

Quasi tutti i paesi del mondo hanno eliminato il tetano nelle madri e nei bambini grazie ai vaccini. Come risultato dell'immunizzazione su larga scala nel periodo 1988-2015, la stima globale dei decessi nei neonati a causa del tetano è diminuita del 96% .

La malaria rimane un enorme fardello per la salute pubblica globale. Nel 2020, ci sono stati circa 241 milioni di casi di malaria in tutto il mondo, con una stima di 627.000 morti. 

I bambini sotto i cinque anni sono i più gravemente colpiti da questa malattia, rappresentando circa i due terzi di tutti i decessi per malaria nel mondo. Oltre il 90% di tutti i casi di malaria e decessi si verificano nel continente africano. 

Dopo decenni di ricerca sulle vaccinazioni contro la malaria, nel 2015 il primo vaccino contro questa malattia è stato valutato da un'agenzia di regolamentazione, in questo caso l'EMA. 

“Sulla base della nostra valutazione e in seguito a un progetto pilota di due anni – sottolinea l’Ema - l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente raccomandato l'implementazione del vaccino antimalarico per i bambini nell'Africa subsahariana”. 

Secondo l'OMS, le vaccinazioni pilota in Ghana, Kenya e Malawi hanno mostrato che più di due terzi dei bambini in questi tre paesi hanno beneficiato del vaccino e i decessi per malaria sono stati ridotti del 30%.

I vaccini contro il papillomavirus umano (HPV) proteggono le ragazze adolescenti dal cancro cervicale e da altri tipi di cancro. Ci sono stati 604.000 nuovi casi di cancro cervicale e 342.000 decessi tra le donne a livello globale nel 2020. 

Nell'Unione Europea, il cancro cervicale è il secondo tumore più comune dopo il cancro al seno a colpire le donne di età compresa tra 15 e 44 anni, causando circa 15.000 morti premature. Gli studi su donne del Regno Unito e della Svezia che hanno ricevuto il vaccino HPV da giovani adolescenti hanno mostrato una drastica riduzione di quasi il 90% della malattia cervicale pre-invasiva, un precursore del cancro cervicale.

Ma l'immunizzazione non è solo per i bambini. La protezione da alcuni vaccini per l'infanzia può svanire nel tempo e l'immunizzazione contro altre malattie potrebbe essere necessaria per vivere una vita più lunga e più sana. Ad esempio, è particolarmente importante che le persone con malattie croniche, le donne in gravidanza e gli anziani si vaccinano contro l'influenza.

Nessuna riflessione su come i vaccini possono salvare vite umane sarebbe completa senza considerare la lotta contro la pandemia di COVID-19. 

“I cinque vaccini autorizzati contro il COVID-19 nell'UE – ricorda Ema - sono gli strumenti più importanti di cui disponiamo per proteggerci da malattie gravi, ospedalizzazione e morte a causa del COVID-19”. 

Uno studio dell'Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa e del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha stimato che, alla fine del 2021, sono state salvate 470.000 vite tra le persone di età pari o superiore a 60 anni dall'inizio della vaccinazione COVID-19 roll-out in 33 paesi in Europa.

I vaccini contro il virus Ebola sono stati un importante risultato scientifico degli ultimi anni. Nei focolai passati, dal 25% al ​​90% delle persone che hanno contratto la malattia sono morte. Il più grande focolaio fino ad oggi si è verificato in Africa occidentale nel 2014-2016 e ha causato la morte di oltre 11.000 persone. 

Nel 2019, l'EMA ha raccomandato un'autorizzazione all'immissione in commercio nell'UE per il primo vaccino per l'immunizzazione attiva delle persone di età pari o superiore a 18 anni a rischio di infezione da virus Ebola. La raccomandazione dell'EMA si basava su uno studio principale condotto in Guinea durante un'epidemia di Ebola che mostrava che nessuna persona arruolata nello studio aveva contratto il virus tra 10 e 31 giorni dopo la vaccinazione. 

Un anno dopo, abbiamo anche emesso una raccomandazione positiva per un secondo vaccino per combattere questo virus mortale. I vaccini per la protezione contro l'Ebola sono già stati utilizzati per aiutare a controllare la diffusione dei focolai di Ebola in Guinea e nella Repubblica Democratica del Congo (RDC).

L' immunizzazione contro l'herpes zoster può migliorare significativamente la qualità della vita delle persone anziane a rischio di sviluppare questa malattia. È causato dalla riattivazione del virus varicella-zoster, lo stesso virus che causa la varicella e che rimane dormiente nell'organismo. 

Il rischio di sviluppare l'herpes zoster aumenta con l'età e sembra essere collegato a un declino dell'immunità. Provoca un'eruzione cutanea dolorosa e con vesciche tipicamente in una parte del corpo che può essere seguita da un forte dolore di lunga durata nell'area in cui si trovava l'eruzione cutanea. 

Nell'UE, quasi nove giovani adulti su dieci hanno il virus varicella-zoster nel loro corpo. Pertanto, la maggior parte degli adulti di età pari o superiore a 50 anni è a rischio di sviluppare l'herpes zoster. Circa dal 5% al ​​30% delle persone che contraggono la malattia sperimenteranno un dolore grave e duraturo. 

“Noi dell'EMA – sottolinea l’Agenzia europea - abbiamo raccomandato un'autorizzazione all'immissione in commercio per due vaccini volti a prevenire questa malattia debilitante”.

“Quando si tratta di malattie infettive, nessuno è al sicuro finché non siamo tutti al sicuro. Crediamo fermamente nell'accesso equo ai farmaci per tutti i paesi del mondo”, sottolinea Ema che ricorda come nell'ambito di una procedura denominata EU-Medicines for all, l'EMA, in collaborazione con l'OMS, può fornire pareri scientifici su medicinali per uso umano ad alta priorità, compresi i vaccini, destinati a persone al di fuori dell'UE. Il primo vaccino contro la malaria è stato autorizzato con questa procedura.

Lo tsunami di fake news contro i vaccini. Ma i vaccini più sicuri ed efficaci non valgono nulla se le persone non li prendono. “Nonostante gli enormi benefici per l'umanità, per noi stessi, i nostri figli e i nostri genitori, la fiducia nei vaccini è diminuita negli ultimi anni, a causa di uno tsunami di fake news”, denuncia l’Agenzia che sottolinea che “stiamo vivendo un'infodemia in cui la disinformazione è, purtroppo, parte della nostra esistenza quotidiana. Abbiamo tutti la responsabilità di chiarire i fatti prima di condividere qualsiasi cosa con la nostra comunità online. 

“Puoi fidarti della scienza. I vaccini ci aiutano a proteggere noi stessi e i nostri cari dalle malattie infettive”, è l’invito finale di Ema.
27 aprile 2022
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
104287