Sabato 07 DICEMBRE 2019
Regioni e Asl
Sardegna. Thomas Schael in pole come nuovo commissario dell’Asl unica

Sarebbe quello dell’ex sub commissario della Calabria, il nome del Commissario straordinario che in queste ore sembrerebbe dato per sicuro alla nomina per la guida dell’Azienda per la Tutela della Salute in Sardegna, al posto del suo predecessore Fulvio Moirano, che a fine giugno aveva dato le dimissioni anticipate senza lasciare addebiti alla Regione. Il nome di Schael è stato proposto insieme a quello di Mario Palermo, quest’ultimo per il commissariamento dell’AOU sassarese, durante il vertice di maggioranza.

20 LUG -E’ il manager tedesco Thomas Schael, classe ‘62, il nome del Commissario straordinario che in queste ore sembrerebbe dato per sicuro alla nomina per la guida dell’Azienda per la Tutela della Salute in Sardegna, al posto del suo predecessore Fulvio Moirano, che a fine giugno aveva dato le dimissioni anticipate senza lasciare addebiti alla Regione (Si dimette il DG Moirano. Intervistato da QS spiega: “Io chiamato per unificare, ma la nuova Giunta vuole tornare a 4 o più Asl”.
 
Stando a quanto si apprende dal quotidiano locale Sardiniapost.it, il suo nome è stato proposto insieme a quello di Mario Palermo, quest’ultimo per il commissariamento dell’AOU sassarese, durante il vertice di maggioranza ristretto di lunedì 15 luglio 2019 che Christian Solinas, Presidente della Regione Sardegna, ha convocato a Villa Devoto. All’incontro erano presenti Settimo Nizzi e Ugo Cappellacci per Forza Italia, Michele Cossa per i Riformatori, Giorgio Oppi per l’Udc e Stefano Tunis per Sardegna 20venti; Solinas avrebbe incassato l’accordo favorevole delle parti alleate. 
 
Thomas Schael, ingegnere, nato a Schalksmühle nella Renania Settentrionale-Vestfalia della  Germania, è un manager ed esperto nella progettazione e gestione di organizzazioni complesse nel settore pubblico e privato. Un’esperienza professionale trentennale che lo ha visto lavorare insieme a grandi esperti italiani ed internazionali. Per citare solo alcune delle sue più significative esperienze (CV aggiornato al 2019 in allegato), si apprendono quelle di Direttore Generale dell'ASL Magna Grecia di Crotone dal 2005 al 2007, di Commissario Amministrativo all'ASL Napoli 2 Nord nel 2010 per l’applicazione del piano di rientro della Regione Campania, di Amministratore Unico della Business Communication Srl dal 2013 al 2015 per la ristrutturazione e successiva cessione di strutture sanitarie in crisi; dal 2013 al 2015 ha ricoperto il ruolo di esperto SiVeAS (Sistema Nazionale di Verifica e Controllo sull’Assistenza Sanitaria) dell’Age.Na.S. – Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali presso la Regione Piemonte, di cui Fulvio Moirano è stato Direttore.
 
Da giugno 2015 Schael inoltre è stato Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige per la realizzazione della riforma del sistema sanitario della Provincia Autonoma di Bolzano, dove, nel settembre 2018, la Giunta gli ha rescisso anticipatamente il contratto per aver, secondo la Giunta, lasciato scoperti i dipendenti dall’assicurazione; ma secondo la versione di Schael è la Giunta che insisteva per prorogare la vecchia polizza, costosa e pagata in buona parte dal contribuente. Insistenza che il dirigente all’epoca dei fatti non ha voluto assecondare (Bolzano. Lo strano caso di Thomas Schael. Il Dg di una Asl che eccelle cacciato per l’assicurazione scaduta).
Si ipotizza che dietro questa “apparente” motivazione possa in realtà aver influito la sua posizione a favore delle vaccinazioni in un territorio a forte spinta no-vax, o la chiusura dei due punti nascita di Vipiteno e San Candido, salvando quello di Silandro, nonostante fosse anch’esso sotto i 500 parti annui ma garantendo i requisiti imposti a livello statale. Sicuramente dietro la suddetta motivazione non possono esserci i risultati economici e sanitari, visto che il Piano Nazionale Esiti e il Rapporto Crea Sanità avevano certificato in tal senso il successo di Schael.
 
L’ultimo incarico ricoperto dal Manager è stato quello di sub-commissario ad acta per la realizzazione del Piano di rientro dai disavanzi del Servizio Sanitario della Regione Calabria, a partire dal dicembre 2018, ruolo da cui si dimette il 1 luglio 2019 per motivazioni personali.
 
In Sardegna a Thomas Schael, qualora la nomina venisse ufficializzata, sembrerebbe sarà affidato l’eventuale compito di smantellare l’ASl Unica in 4 o più ASL, sulla base delle decisioni politiche che verranno prese in sinergia al ragionamento in corso sul ripristino delle vecchie province sarde.
 
Altro nome infine che come già accennato sembrerebbe sia stato annunciato nell’incontro di lunedì a Villa Devoto per essere certo, è quello di Mario Palermo, futuro Commissario dell’Aou di Sassari. Classe ‘54, nuorese di nascita, è attualmente il Direttore dell’unità ospedaliera di Endocrinologia e Malattie della nutrizione e del ricambio, facente capo all’Azienda Ospedaliero Universitaria di Sassari.
 
Elisabetta Caredda

20 luglio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
articoli precedenti in Regioni e Asl
Calabria. Maria Crocco è il nuovo sub commissario
Istituto zooprofilattico Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta riconosciuto come Centro di referenza nazionale sulle allergie alimentari
Assenteismo negli ospedali. Agli arresti 13 persone a Monopoli e 62 indagati al Cardarelli di Napoli. Grillo: “Licenziamento immediato”
“Sesamo” compie 4 mesi. Per Olivetti (Ord. Farmacisti Gorizia) uno strumento utile, ma non completo
Veneto. Ecco i nuovi team di assistenza primaria sul territorio