Lunedì 16 SETTEMBRE 2019
Governo e Parlamento
Presidenza Aifa. Per sbloccare l’impasse le Regioni pensano a un tecnico

Tramontata l’ipotesi dell’ex assessore alla sanità del Piemonte Antonio Saitta, visto lo stallo che vede l’Agenzia del farmaco senza un presidente da quasi un anno e con un Cda dimezzato dopo le dimissioni di Sergio Venturi gli Enti locali stanno cercando un nuovo nome da proporre al Ministro andando incontro alla sua richiesta di vare un tecnico alla guida dell'Agenzia.

17 LUG -Un tecnico alla presidenza di Aifa, è questo da sempre il desiderio del Ministro della Salute, Giulia Grillo ed è un profilo di questo tipo che a quanto si apprende le Regioni starebbero cercando per riempire una casella che è ormai vuota da quasi un anno dopo le dimissioni di Stefano Vella.
 
Tramontata l’ipotesi dell’ex assessore alla sanità del Piemonte Antonio Saitta, nome che era stato indicato mesi fa dalle Regioni ma che il Ministro Grillo ha bocciato, ora gli Enti locali vorrebbero però chiudere la partita anche per far tornare pienamente operativa l’Agenzia, che senza un presidente e dopo le dimissioni di Sergio Venturi dal Cda è di fatto bloccata. Non si sa ancora però se il candidato alla presidenza sarà unico o se invece verrà accolta l’altra richiesta di Grillo di una terna di nomi tra cui scegliere. Chiaro è che la partita molto probabilmente si chiuderà entro la pausa estiva.
 
A dar corpo a questa nuova ipotesi anche il Ministro Grillo che oggi a margine della sua audizione davanti alle commissioni parlamentari ha dichiarato: “Rispetto al nome del nuovo presidente dell'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) stiamo cercando di giungere a un punto fermo, e dovremo farlo necessariamente entro fine luglio, perché non siamo più in condizioni di andare avanti. C'è stato uno stallo, perché io ho sempre chiesto che venisse indicato un nominativo di profilo tecnico mentre quello indicato dalle regioni era di natura politica. Credo ci sia ora un'apertura da questo punto di vista”
 
L.F.

17 luglio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
articoli precedenti in Governo e Parlamento
Inquinamento e ondate di calore.  Le nuove linee guida dal Ministero. Allarme per le città: ormai sono vere e proprie “isole di calore”
Decreto tariffe. Carnevali (Pd): “Grillo garantisca i diritti alle persone con disabilità”
Sunshine act. Commissione Sanità al Senato verso approvazione del testo senza emendamenti
Regionalismo differenziato. Corte dei conti: “Maggiore autonomia necessità di strumenti idonei di monitoraggio e di rendicontazione per evitare tensioni sul bilancio dello Stato”
Defibrillatori. Più tempo alle PA: obbligo di installazione entro il 31 dicembre 2025. Gli emendamenti approvati dalla Affari Sociali