Martedì 20 AGOSTO 2019
Cronache
Aifa. Arriva il nuovo portale. Li Bassi: “Agenzia si dota di uno strumento più al passo con i tempi”

Il Direttore generale annuncia che da domani entrerà in attività il nuovo portale web dell’Agenzia del farmaco: “L’idea di fondo è stata quella di sviluppare contenuti volutamente orientati al cittadino attraverso un linguaggio sempre evoluto, ma semplice”.

16 LUG -Da domani, mercoledì 17 luglio l’Aifa avrà un nuovo portale. Ad annunciarlo è il direttore generale Luca Li Bassi che rimarca: “Grazie a un lungo lavoro propedeutico e una complessa fase di preparazione, l’Agenzia si dota di uno strumento più moderno, agile, funzionale, adesso facilmente consultabile anche attraverso tablet e smartphone, più al passo con i tempi. L’idea di fondo è stata quella di sviluppare contenuti volutamente orientati al cittadino attraverso un linguaggio sempre evoluto, ma semplice”.
 
“L’architettura delle pagine – spiega - è stata studiata perché i cittadini per primi, ma anche medici, operatori, aziende, associazioni, possano più facilmente dialogare con l’Agenzia. Voi saprete tutto delle nostre attività, noi conosceremo prima e meglio le vostre esigenze”.
 
“Gran parte dei principali contenuti – conclude - del vecchio sito sono stati trasferiti, tutto l’archivio dei documenti resterà comunque disponibile, fino al completamento della migrazione, su www.agenziafarmaco.gov.it, indirizzo al quale l’utente, quando necessario, viene reindirizzato attraverso link diretti”.
 

16 luglio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
articoli precedenti in Cronache
Al via il premio Giornalistico “Umberto Rosa” di Confindustria Dispositivi Medici
Cannabis light. “La vendita di foglie, infiorescenze, olio e resina è illegale anche se Thc è basso”. Ecco le motivazioni della sentenza della Cassazione
Al via la campagna “Libera la Vita”, per vivere i sogni oltre l’emofilia
Doping. Maxiblitz in Europa: agli arresti 234 persone, oltre 1000 indagati e sequestrate oltre 3,8 mln di sostanze illecite
‘Soluzione Minerale Miracolosa’ (Mms). L’Oms mette in guardia i consumatori: “Può provocare effetti negativi sulla salute”