Martedì 20 AGOSTO 2019
Scienza e Farmaci
Farmaci senza ricetta. Assosalute: “Consumi in calo ma fatturati in crescita nei primi 5 mesi del 2019”

“Se i consumi risentono, almeno in parte, di una minore incidenza delle sindromi allergiche stagionali, condizionata da un tardivo arrivo della primavera, i ricavi beneficiano della variazione del mix di consumo verso nuovi prodotti e confezioni”.

16 LUG -“A maggio l’andamento del mercato dei farmaci senza obbligo di prescrizione mostra un trend caratterizzato da una moderata flessione dei volumi (-2,2% per 118,5 milioni di confezioni) e da una modesta tenuta dei fatturati (+0,9% per 1,1 miliardi di euro). Se i consumi risentono, almeno in parte, di una minore incidenza delle sindromi allergiche stagionali, condizionata da un tardivo arrivo della primavera, i ricavi beneficiano della variazione del mix di consumo verso nuovi  prodotti e confezioni. Infatti, la scomposizione dei fatturati per anzianità dei prodotti e delle referenze in commercio restituisce la fotografia di un comparto caratterizzato dalla presenza di marchi “storici” ma anche da una continua innovazione dell’offerta terapeutica, in linea con l’evoluzione dei bisogni di cura dei cittadini”. È quanto rileva Assosalute nel suo ultimo aggiornamento
 
“Analizzando i consumi delle due categorie – si legge -  in cui è suddivisa la classe dei farmaci senza obbligo di ricetta, quali le specialità di automedicazione o OTC (Over The Counter) e i farmaci SOP (Behind The Counter), si osservano, nei primi cinque mesi del 2019, trend similari: entrambe le classi presentano volumi in contrazione, con una diminuzione più decisa per i SOP (-3,0%) rispetto agli OTC (-1,9%). Sul fronte della spesa le due categorie registrano, invece, andamenti contrapposti, con una lieve flessione per i SOP (-1,2%) e un aumento, seppur di misura, per i farmaci da banco (+1,5%). Anche guardando le vendite sui 12 mesi (anno mobile terminante a maggio) si confermano i trend “tradizionali” del comparto, caratterizzati da una tenuta dei fatturati, con un tasso medio annuale di crescita dal 2007 al 2018 del +0,2%, e da una erosione dei volumi, con una contrazione media annua delle confezioni del -2,4% negli ultimi 11 anni. Da giugno 2018 a maggio 2019 i consumi hanno registrato, infatti, una diminuzione del 2,2% mentre i fatturati presentano un aumento del +1,0%, modesto ma migliore rispetto ai trend di lungo periodo”.
 
“Entrambe le categorie di farmaci non prescription – OTC e SOP – presentano, sull’anno mobile, andamenti delle vendite, sia a volumi sia a valori, sovrapponibili a quanto osservato nei primi cinque mesi dell’anno. Per quanto le aziende continuino a innovare la propria offerta terapeutica, i trend di lungo periodo restituiscono, quindi, l’immagine di un settore che stenta a crescere e che risente anche della concorrenza al banco del farmacista di prodotti per la salute diversi dai farmaci per i quali, anche a maggio, si osserva un aumento delle vendite che riguarda gli integratori e altri prodotti (+2,3% a volumi, +4,0% a valori) rispetto a erboristici e omeopatici, invece, in flessione”.
 


16 luglio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
articoli precedenti in Scienza e Farmaci
Caso Avastin/Lucentis. Consiglio di Stato respinge ricorsi e conferma sanzioni a Roche e Novartis per restrizione della concorrenza
Vaccini. Calendario per la Vita 2019: “Legge Lorenzin ha invertito trend negativo coperture”
Influenza. Rezza (Iss): “Nel 2019 otto milioni di casi, coperture vaccinali in aumento”
Rischio genetico di demenza. Il vivere sano può compensarlo
L’uso di eparina in bridging potrebbe peggiorare la prognosi dopo un ictus cardioembolico