Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 27 GIUGNO 2022
Lavoro e Professioni
Segui ilFarmacistaOnline
Lavoro e Professioni
Speranza a Cosmofarma: “Le farmacie sono un patrimonio del nostro paese. Dobbiamo lavorare per renderle ancora più centrali”
“Se la sanità del futuro è una sanità di prossimità, se capillarità e vicinanza sono gli assi essenziali su cui costruire il futuro del nostro sistema sanitario nazionale, allora è del tutto evidente che insieme possiamo e dobbiamo lavorare per rendere ancora più centrale il ruolo delle nostre farmacie, in ogni angolo del Paese, ma soprattutto dove serve di più”, ha detto il ministro in un video messaggio oggi nell'ambito del convegno "Riorganizzazione della sanità territoriale: il ruolo del farmacista e della farmacia nell'assistenza di prossimità" a Cosmofarma.
14 MAG -

Le farmacie italiane sono "un patrimonio vero del nostro Paese". Lo ha detto il Ministro della Salute, Roberto Speranza, in un videomessaggio inviato al convegno di questa mattina "Riorganizzazione della sanità territoriale: il ruolo del farmacista e della farmacia nell'assistenza di prossimità", organizzato nell'ambito di Cosmofarma “Incontri Riavvicinati”, in corso in questi giorni in Fiera a Bologna.

"Esprimo ancora una volta un sentimento di gratitudine per il lavoro straordinario che i farmacisti hanno svolto in ogni angolo del Paese" nel periodo della pandemia, esordisce Speranza.

"Siamo ancora dentro una battaglia- prosegue- non la considero conclusa, quella degli ultimi due anni che ci ha visto fronteggiare il Covid. Ma ora abbiamo strumenti nuovi, abbiamo una nuova capacità di rispondere a questa fase non facile".

Dentro questa "sfida- afferma il Ministro- le farmacie sono state al fianco degli italiani e delle nostre Istituzioni per dare le migliori risposte possibili". Secondo Speranza, "dobbiamo insistere su questo terreno. Se la sanità del futuro è una sanità di prossimità, se capillarità e vicinanza sono gli assi essenziali su cui costruire il futuro del nostro sistema sanitario nazionale, allora è del tutto evidente che insieme possiamo e dobbiamo lavorare per rendere ancora più centrale il ruolo delle nostre farmacie, in ogni angolo del Paese, ma soprattutto dove serve di più".

Il Ministro pensa in particolare "all'impegno nelle aree rurali, che è particolarmente delicato e che dobbiamo con forza sostenere, come stiamo provando a fare". Per questo, continua Speranza, "oggi la farmacia è un luogo ancora più aperto, che supera la funzione originaria di luogo dove si somministrano, si consegnano e si offrono farmaci ai cittadini. E' un luogo dove il cittadino può trovare una prima interfaccia vera con il servizio sanitario nazionale".

Durante la pandemia, ricorda il Ministro, "le farmacie si sono caratterizzate per un impegno importante: penso al ruolo svolto sui tamponi. Per questo abbiamo da poco approvato una norma che rende ormai strutturale anche l'impegno sulla vaccinazione, non solo contro il Covid ma anche quella antinfluenzale. Sono passi avanti, che vanno nella direzione di considerare le farmacie un patrimonio vero del nostro Paese. Anche per questo abbiamo lavorato insieme sulla remunerazione e abbiamo fatto passi in avanti. Anche nell'ultimo Def si segnalano obiettivi che abbiamo condiviso e che vanno in questa direzione".

Speranza torna quindi a esprimere nei confronti del settore "apprezzamento, ringraziamento e incoraggiamento, perché dobbiamo continuare a lavorare insieme per rendere più forte il nostro servizio sanitario nazionale. Mai come negli ultimi anni si sono messe nuove risorse. A settembre 2019, quando sono diventato Ministro della Salute, c'erano 114 miliardi sul Fondo sanitario nazionale: oggi siamo a 124. Di solito si metteva un miliardo all'anno, ora abbiamo messo 10 miliardi in meno di tre anni: un salto senza precedenti. Poi abbiamo 20 miliardi del Pnrr e, per la prima volta, un Pon Salute che costituisce uno strumento importante per ridurre le disuguaglianze tra aree diverse del nostro Paese".

Secondo Speranza, dunque, "questo allora è il momento giusto. Abbiamo finalmente più risorse, abbiamo invertito una tendenza, abbiamo chiuso la stagione dei tagli e abbiamo aperto una nuova grande stagione di investimenti. Oggi dobbiamo, insieme a queste risorse, mettere in campo un'idea di riforma e io penso che questa idea di riforma, nell'ambito delle farmacie, la stiamo già costruendo con atti concreti e scelte strategiche". Quindi, conclude il Ministro, "continuiamo a lavorare insieme nell'interesse del nostro Paese".

14 maggio 2022
Ultimi articoli in Lavoro e Professioni
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
104754