Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
31 MAGGIO 2020
Governo e Parlamento
Segui ilFarmacistaOnline
Governo e Parlamento
Farmaceutica. Dai fondi Covid e dalla “vecchia” legge di Bilancio spunta un tesoretto di 736 milioni. Ma aziende e farmacisti non hanno le stesse idee su come andrebbe utilizzato. Il commento di Mandelli e Scaccabarozzi
Una somma frutto del meccanismo del budget/tetto per la spesa farmaceutica calcolato in percentuale fissa (14,85%) del fondo sanitario nazionale. Se questo aumenta, cresce anche il budget per i farmaci. E così sarà, grazie al surplus di finanziamenti per la sanità (quasi 5 miliardi in più nel 2020). Ma dai farmacisti e dagli industriali arrivano commenti diversi su come utilizzare queste risorse. Per Mandelli andrebbero rafforzato il paniere dei farmaci in farmacia, mentre per Scaccabarozzi la parte ospedaliera del tetto deve pesare di più
19 MAG - Tra legge di bilancio e i vari decreti Covid (il "Cura Italia" e l'emanando "Rilancio") il budget/tetto di spesa per la farmaceutica si incrementerà in automatico di circa 736 milioni di euro. Il calcolo è presto fatto (euro più euro meno): dalla legge di bilancio per il 2020 sono arrivati alla sanità (parte corrente) 2,185 miliardi di euro, poi dal "Cura Italia" altri 1,410 miliardi e infine dal "Rilancio" ulteriori 1,361 miliardi.
 
In tutto quindi 4,956 miliardi a valere tutti sul fondo sanitario corrente di quest'anno. Considerando che il budget della farmaceutica (convenzionata e diretta) è fissato per legge al 14,85% del fondo, la dote per la farmaceutica 2020 sale di 736 milioni, di cui circa 395 per la convenzionata (pari al 7,96% del tetto), 331 per la diretta (pari al 6,69%) e  circa 10 milioni per i gas medicinali (0,20%).
 
Un "tesoretto" di cui non si era ancora parlato ma che in ogni caso aumenta il budget del farmaco, da sempre in sofferenza con il costante sfondamento dei tetti programmati (in particolare quello della diretta che comprende la spesa farmaceutica ospedaliera) e che, pur contribuendo ad alleggerire il payback di fine anno a carico delle aziende, non sarà comunque sufficiente a coprire il buco che anche nel 2020 si registrerà con certezza nel settore.
 
Basti pensare che la spesa diretta nel 2019 farà segnare un disavanzo intorno ai 2,6 miliardi (stando al monitoraggio Aifa della spesa tra gennaio e novembre) a fronte, come abbiamo visto, di un incremento di fondi per quest'anno di "soli" 331 milioni.
 
Diverso il discorso per la convenzionata, già in attivo nel 2019 per circa 800 milioni e che dall'incremento Bilancio/Covid vedrà alzare la sua dotazione potenziale di 395 milioni che però potrebbero anche non venir mai spesi considerando la storica tenuta del tetto di questa parte della farmaceutica.
 
In ogni caso il "tesoretto" c'è anche se, senza una rimodulazione dei tetti, rischia effettivamente di non mutare la situazione: una spesa convenzionata “virtuosa” e una diretta in costante crescita e probabilmente sottostimata e pareggiata solo dal pay back a fine anno.
 
Ma in ogni caso la partita è tutta da giocare come dimostrano anche le visioni divergenti su come andrebbe riconsiderato il budget della farmaceutica che abbiamo raccolto intervistando il presidente della Fofi Andrea Mandelli e quello della Farmindustria Massimo Scaccabarozzi.
 

 
Luciano Fassari
19 maggio 2020
Ultimi articoli in Governo e Parlamento
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
85351