Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 16 SETTEMBRE 2019
Cronache
ATTENZIONE: Mancano soltanto 106 giorni alla fine del
triennio ECM 2017-2019. Clicca qui per saperne di pił...
Segui ilFarmacistaOnline
Cronache
Sicurezza alimentare. Allarme Oms Europa: ogni anno 23 milioni di persone si ammalano e 4.700 muoiono per malattie alimentari 
La nuova Giornata mondiale per la sicurezza alimentare è stata creata con una risoluzione adottata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 2018. Il cibo non sicuro è responsabile di milioni di giorni di malattia e può portare a malattie gravi o prolungate, ricoveri in ospedale e morte. Il carico complessivo delle malattie di origine alimentare nella regione europea dell'Oms è stimato in 413.020 anni di vita regolabili per la disabilità. IL REPORT OMS.
06 GIU - Ogni minuto, 44 ​​persone - più di 23 milioni all'anno - si ammalano per aver mangiato cibo contaminato e circa 4.700 all'anno perdono la vita. E’ questo uno dei più recenti dati disponibili a livello internazionale, pubblicato nel nuovissimo rapporto "Il peso delle malattie alimentari nella regione europea dell'Oms" e reso noto in occasione della prima Giornata mondiale della sicurezza alimentare del 7 giugno 2019 voluta dall’Onu, in cui la Regione europea dell'Oms si unirà ai partner di tutto il mondo per sensibilizzare e promuovere azioni per migliorare la sicurezza alimentare.

La nuova Giornata mondiale per la sicurezza alimentare è stata creata con una risoluzione adottata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 2018. Per promuovere la Giornata mondiale della sicurezza alimentare, l'Oms/Europa sta lavorando a fianco dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e del Codex Alimentarius, un'organizzazione globale che supporta la sicurezza alimentare con una raccolta di standard, linee guida e codici di condotta stabiliti dall'Oms e dalla FAO per proteggere la salute dei consumatori e promuovere pratiche corrette nel commercio alimentare.

Il cibo non sicuro è responsabile di milioni di giorni di malattia e talvolta può portare a malattie gravi o prolungate, ricoveri in ospedale e persino alla morte. Il carico complessivo delle malattie di origine alimentare nella regione è stimato in 413.020 anni di vita regolabili per la disabilità, ovvero anni in cui la vita di una persona è influenzata da una malattia.

Una varietà di batteri, virus, parassiti e rischi chimici hanno conseguenze potenzialmente gravi non solo per la salute umana, ma anche per l'economia e l'ambiente.

Secondo le stime, le cause più frequenti di malattie di origine alimentare sono agenti di diarrea. Il più comune è il norovirus con circa 15 milioni di casi, seguito da Campylobacter spp., Responsabile di quasi 5 milioni di casi.

La Salmonella spp. non tifoidea causa la maggior parte delle morti. Altre principali cause di morte sono Campylobacterspp., Norovirus, Listeria monocytogenes e Echinococcus multilocularis . 

Complessivamente nella Regione, le malattie diarroiche sono responsabili del 94% delle malattie trasmesse da alimenti, del 63% dei decessi correlati e del 57% del carico di malattia.

Le prime stime del carico globale e regionale delle malattie di origine alimentare, pubblicate dall'Oms nel dicembre 2015, mostrano che l'onere è significativo in tutto il mondo. 

Il rapporto presenta i dati per la Regione Europea dell'Oms. Ogni anno più di 23 milioni di persone si ammalano di cibo contaminato, provocando 5000 morti e oltre 400.000 anni di vita regolati per la disabilità. 

Queste cifre indicano la necessità di rafforzare la prevenzione, la sorveglianza e la gestione delle malattie alimentari nella regione europea, compresa la comunicazione del rischio, la sensibilizzazione e l'educazione dei consumatori. 

Inoltre, i dati possono essere utilizzati per orientare la politica di sicurezza alimentare e il processo decisionale, compresa la definizione delle priorità, a livello nazionale e regionale. L'Oms è impegnata a lavorare con i suoi Stati membri e partner per rafforzare la prevenzione, l'individuazione e la gestione dei rischi per la sicurezza alimentare, con l'obiettivo generale di ridurre il carico delle malattie trasmesse dagli alimenti. compresa la definizione delle priorità, a livello nazionale e regionale. 

“Ogni paese nel mondo, dal piccolo al grande, dal ricco al povero, ha sofferto di malattie alimentari e l'Europa non fa eccezione. La portata della sfida delle malattie di origine alimentare è notevole, a dimostrazione dell'importanza di prevenire e mitigare i rischi per la sicurezza alimentare", afferma Zsuzsanna Jakab, direttore regionale dell'Oms per l'Europa.

"Il cibo è un affare globale con una catena alimentare che avvolge il pianeta. Un pasto semplice può facilmente contenere ingredienti provenienti da più continenti e la sua sicurezza dipende dalla collaborazione internazionale. La Giornata mondiale della sicurezza alimentare rappresenta un'opportunità senza precedenti per chiedere ai governi di rafforzare i sistemi che garantiscono alimenti sicuri, in tutti i settori e in Europa e nel mondo ".
"Il cibo è qualcosa a cui la gente non pensa fino a quando non fa male, ma un numero inaccettabile di persone viene sottoposto a malattie alimentari, a volte con gravi conseguenze,  specialmente per i giovanissimi e molto vecchi", spiega Dorit Nitzan, Direttore regionale di emergenza ad interim dell'Oms / Europa.
 
"Dal lavarsi le mani, cucinare e conservare gli alimenti correttamente, alla sorveglianza e ai regolamenti internazionali, ogni pezzo del puzzle sulla sicurezza alimentare coinvolge le vite, le economie e intere comunità", conclude Nitzan. "La Giornata mondiale della sicurezza alimentare è l'occasione per dire ad alta voce che è il lavoro di squadra a fare la differenza".
La sicurezza alimentare è la chiave per raggiungere molti degli Obiettivi di sviluppo sostenibile e la Giornata mondiale la mette sotto i riflettori, per aiutare a prevenire, rilevare e gestire i rischi alimentari. Il cibo sicuro contribuisce alla prosperità economica, incrementando l'agricoltura, l'accesso al mercato, il turismo e lo sviluppo sostenibile. 
Tra questi:
- Obiettivo 2 - Non esiste sicurezza alimentare senza “fine della fame” che riguarda tutte le persone che hanno accesso a cibo sicuro, nutriente e sufficiente tutto l'anno.
- Obiettivo 3 - La sicurezza alimentare ha un impatto diretto sulla salute delle persone e sull'assunzione nutrizionale. Le malattie di origine alimentare sono prevenibili.
- Obiettivo 12 - Quando i paesi rafforzano le loro capacità normative, scientifiche e tecnologiche per garantire che il cibo sia sicuro e della qualità prevista in tutta la catena alimentare, si muovono verso modelli più sostenibili di produzione e consumo di cibo.
- Obiettivo 17 - Un mondo globalizzato con esportazioni alimentari annuali attualmente superiori a 1,6 trilioni di dollari e complessi sistemi alimentari richiede cooperazione internazionale tra i settori per garantire la sicurezza degli alimenti. La sicurezza alimentare è una responsabilità condivisa tra governi, industrie alimentari, produttori e consumatori.
Mantenere il cibo sicuro è, secondo l’Onu, un processo complesso che inizia nella fattoria e finisce con il consumatore. Devono essere prese in considerazione tutte le fasi della catena alimentare, dalla produzione, raccolta e stoccaggio alla preparazione e al consumo. 
L' Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) è l'unica organizzazione internazionale a supervisionare la sicurezza alimentare lungo tutti gli aspetti della catena alimentare.
Attraverso una partnership di lunga data, la FAO e l' Organizzazione Mondiale della Sanità  sostengono la sicurezza alimentare globale e proteggono la salute dei consumatori. La FAO generalmente affronta le questioni di sicurezza alimentare lungo la catena alimentare durante la produzione e la lavorazione, mentre l'Oms di solito controlla le relazioni con il settore della sanità pubblica. Salvaguardare il cibo in modo che sia sicuro da mangiare non si ferma però al suo acquisto. E i consumatori hanno un ruolo da svolgere per assicurarsi che ciò che mangiano rimanga sicuro.
Conoscendo l'urgente necessità di sensibilizzare a tutti i livelli e di promuovere e facilitare azioni per la sicurezza alimentare globale, l'Assemblea generale ha  designato il 7 giugno come Giornata mondiale della sicurezza alimentare con gli slogan: #WorldFoodSafetyDay #ZeroHunger.
Con cinque “chiavi/regole” per difendere la sicurezza alimentare:
- Mantenere pulito
- Separare crudo e cotto
- Cuocere bene
- Conservare il cibo a temperature sicure
- Utilizzare acqua e materie prime sicure       
06 giugno 2019
Ultimi articoli in Cronache
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
74705