Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 21 AGOSTO 2018
Cronache
Segui ilFarmacistaOnline
Cronache
Assemblea Oms. “Un Oms più forte, impegno politico e partnership. E alla base la copertura sanitaria universale”. Il Dg Tedros illustra gli obiettivi dello sviluppo futuro
Nel suo discorso di apertura alla 71a assemblea mondiale Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, ha ribadito le chiavi di sviluppo dell'organizzazione e gli obiettivi futuri: "Nel 1978, ad Alma-Ata, l'impegno è stato nel sogno della salute per tutti, ma quarant'anni dopo, non siamo riusciti a mantenere questa promessa. Questo perché non siamo riusciti a prendere l'impegno politico per farlo accadere. Non capita spesso di avere una seconda possibilità, ma ora ce l’abbiamo”. LA BOZZA DEL TREDICESIMO PROGRAMMA GENERALE DI LAVORO 2019-2023.
22 MAG - Le prime parole in apertura della settantunesima assemblea mondiale dell’Oms in corso a Ginevra, Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, le ha dedicate a Carlo Urbani: “Il mio primo intervento come direttore generale all'Assemblea mondiale della sanità – ha detto è dedicato a lui, al dott. Carlo Urbani. E’ per me, è un onore. Sfortunatamente, Carlo non è l'unico membro dello staff dell'Oms aa aver perso la vita in servizio attivo.

Voglio anche ricordare la perdita di un altro collega, il dott. Mahmoud Fikri. Anche se l'ho conosciuto solo per un breve periodo, la sua improvvisa scomparsa in ottobre, mentre lo scorso anno ospitava l'incontro delle malattie non trasmissibili a Montevideo, in Uruguay, mi ha scioccato.

Vorrei poi manifestare il mio profondo dolore per la morte del dott. Fikri, il mio apprezzamento per il dott. Jaouad Mahjour per il suo duro lavoro svolto negli ultimi mesi come direttore regionale e le mie congratulazioni al Dr Ahmed Al Mandhari per la sua nomina a prossimo direttore regionale del Mediterraneo orientale”.

E dopo aver ricordato con un minuto di silenzio i manager Oms scomparsi, Tedros ha aggiunto: “Un anno fa, mi sono fermato su questo palco dopo aver ricevuto il più grande onore della mia vita. Oggi sono orgoglioso di avere la responsabilità di guidare questa grande organizzazione.

Non c'è merce nel mondo più preziosa della salute. Un'istituzione incaricata di difendere la salute di 7 miliardi di persone ha quindi grandi responsabilità e deve essere mantenuta ad alti livelli.

Le evidenze maggiori di quella responsabilità, nell'ultimo anno sono state le persone che ho incontrato in tutto il mondo, con cui lavoriamo per proteggere la salute”.

Tedros ha ricordato i suoi ultimi viaggi e i suoi incontri significativi di persone e rappresentanti Oms nelle zone a maggior rischio del mondo.

E si è soffermato poi sui casi di Ebola in Africa. “Come sapete – ha detto - il comitato di emergenza IHR si è riunito e mi ha consigliato di non dichiarare un'emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale, anche se ha notato che la situazione rimane molto seria. Ho accettato questo consiglio. È preoccupante avere casi di Ebola in un centro urbano, ma siamo in una posizione migliore per affrontare questo focolaio di quanto non fossimo nel 2014. Sono lieto di dire che la vaccinazione sta già iniziando mentre parliamo qui, oggi. Sfortunatamente, il ministro della salute della RDC non può essere con noi, ma spero che sarà in grado di unirsi a noi domani perché è coinvolto nello sforzo di vaccinazione.

E sono orgoglioso del modo in cui l'intera Organizzazione ha risposto a questa epidemia. In particolare voglio ringraziare i nostri partner, MSF, il Programma alimentare mondiale, la Croce rossa, l'UNICEF e molti altri che hanno risposto rapidamente”.
 
“L'epidemia di Bikoro – ha proseguito Tedros - dimostra ancora una volta che la sicurezza sanitaria e la copertura sanitaria universale sono due facce della stessa medaglia. La cosa migliore che possiamo fare per prevenire future epidemie è rafforzare i sistemi sanitari ovunque.
Dobbiamo agire con un senso di urgenza in tutto ciò che facciamo, perché ogni momento che perdiamo è una questione di vita o di morte.
Ecco perché abbiamo istituito una Commissione di alto livello sulle malattie non trasmissibili, per fermare le morti premature e prevenibili di milioni di persone.

È per questo che abbiamo istituito un'iniziativa sul cambiamento climatico e la salute nei piccoli stati insulari in via di sviluppo, per difendere la salute di persone che non possono difendersi da un mondo che sta cambiando intorno a loro.

È per questo che stiamo lavorando in partnership con Stop Tub, il Fondo globale e la società civile, e UNITAID per trattare tutti i 4 milioni di persone a livello mondiale che sono affette da tubercolosi e non lo sanno.

È per questo che stiamo lavorando a una nuova iniziativa per far ripartire i progressi contro la malaria, una malattia curabile che però uccide ancora mezzo milione di persone ogni anno.

Ecco perché – aggiunge ancora - abbiamo lanciato un invito all'azione per eliminare il cancro del collo dell'utero, una malattia per la quale abbiamo tutti gli ingredienti per il successo.

Ecco perché proprio la scorsa settimana abbiamo lanciato una nuova iniziativa per eliminare i grassi trans dall'assortimento alimentare globale entro il 2023.

Ed è il motivo per cui abbiamo seguito velocemente lo sviluppo del nostro 13° programma generale di lavoro. Il suo obiettivo è promuovere la salute, tenere il mondo al sicuro e servire i più vulnerabili. Questo è l'obiettivo che tutti sottoscriviamo”.

“L'anno scorso – ha aggiunto Tedros - l'Oms ha risposto a 50 emergenze in 47 paesi e territori, dal Bangladesh alla Siria, dal Brasile alla Nigeria.
Solo poche settimane fa abbiamo compiuto un altro passo molto importante verso un mondo più sicuro istituendo il Comitato per il monitoraggio della preparazione globale. Questa è un'iniziativa indipendente presa dall'Oms e dalla Banca Mondiale per monitorare la preparazione sistemica per le emergenze”.

“Ciò che è meno visibile, ma altrettanto importante – ha proseguito - è l'impatto del nostro lavoro normativo. La prequalifica consente a milioni di persone di accedere a medicinali e vaccini sicuri ed efficaci.

La classificazione internazionale delle malattie aiuta a capire perché le persone si ammalano e muoiono, quindi i sistemi sanitari possono rispondere di conseguenza.

Le linee guida e gli standard che produciamo assicurano che le persone in tutto il mondo ricevano cure sicure ed efficaci, basate sulle migliori prove”.

“Non ci accontenteremo – ha detto ancora - di un mondo in cui le persone si ammalano perché l'aria che respirano non è adatta al consumo umano.

Non ci accontenteremo di un mondo in cui le persone debbano scegliere tra malattia e povertà a causa dei costi di pagare per le cure con le proprie tasche.

Questo è tutto ciò che riguarda il nostro nuovo GPW (piano strategico).
Il suo scopo è quello di concentrare l'Oms sulla realizzazione dell'impatto nei paesi e di fare una differenza misurabile nella vita delle persone che serviamo.

Quindi cosa ci vorrà? Cosa ci vorrà per tradurre gli ambiziosi obiettivi del "triplo miliardo" del piano strategico in una realtà globale che tocca la vita delle persone in tutto il pianeta?

Credo che siano le tre chiavi del successo.

Abbiamo bisogno di un Oms più forte. Un Oms trasformato.

Nell'ultimo anno mi sono concentrato sulla posa delle basi di questa trasformazione. Innanzitutto, lo stesso piano strategico, sviluppato 12 mesi prima del previsto, per stabilire la nostra missione, non solo per il mio mandato, ma a lungo termine. Questo è quello che ho detto - un senso di urgenza.

Secondo, un piano di trasformazione, per rendere l'Oms più efficiente ed efficace razionalizzando le pratiche commerciali che portano allo spreco, che ci rallentano e ci frenano. Il piano è stato sviluppato e accettato da tutti i miei colleghi, i direttori regionali, ed è ora in fase di implementazione in tutta l'organizzazione.

E, terzo, un forte gruppo dirigente, con una profonda esperienza e talento provenienti da tutto il mondo.

Sono orgoglioso del fatto che per la prima volta le donne siano più numerose degli uomini nelle fila della leadership dell'Oms: sono il 64% del top management. E vorrei ringraziare la mia squadra per tutto il duro lavoro svolto negli ultimi mesi”. 

“Voglio anche riconoscere l'eccezionale collaborazione dei direttori regionali – ha proseguito - e vi ringrazio per la vostra amicizia, i vostri consigli e lo spirito di cooperazione che avete portato a ciascuno dei nostri incontri mensili.

Abbiamo anche sviluppato un modello di investimento che descrive cosa potrebbe ottenere un Oms pienamente finanziato. Non ha molto senso una missione ambiziosa se non è accompagnata da investimenti ambiziosi.  Ma non è solo la quantità di finanziamenti che conta; è la qualità. Devo dire francamente: non possiamo raggiungere la nostra missione se l'assegnazione continua al livello attuale.

Per raggiungere il GPW, esortiamo tutti i paesi a sostenere l'Oms con fondi flessibili e di alta qualità. So che alcuni paesi stanno già impegnandosi. Certo, capisco bene che l'Oms deve avere un buon rapporto qualità-prezzo. Ogni dollaro investito è prezioso e deve essere utilizzato per lavorare il più duramente possibile.

Questo è esattamente ciò di cui tratta il nostro piano di trasformazione. Si tratta di assicurarsi di essere più concentrati sui risultati dove contano di più.
La buona notizia è che abbiamo tutti gli ingredienti per il successo”.

“Uno dei più grandi privilegi del mio primo anno – ha proseguito ancora Tedros - è stato quello di interagire con il nostro staff in tutto il mondo. Sono persone incredibilmente talentuose, esperte e impegnate. Stiamo effettivamente trasformando l'intera organizzazione in un meccanismo di consulenza per ascoltare realmente ciò che dice il nostro staff. Molte delle idee nel GPW e nel piano di trasformazione provenivano dallo stesso personale. In effetti, il mio primo incontro dopo la mia elezione l'anno scorso è stato con l'HQ Staff Association, per ascoltare le loro preoccupazioni. Ho anche ascoltato le preoccupazioni dello staff di tutto il mondo. Ecco perché abbiamo il GPW un anno prima del previsto”.

“E ho anche ascoltato – ha detto - le preoccupazioni sollevate dai nostri stagisti. Gli stagisti apportano un enorme contributo al lavoro dell'Oms e l'esperienza acquisita è un investimento importante per la capacità dei paesi in costruzione.

Ma devo essere onesto: dobbiamo trattare i nostri stagisti molto meglio. Troppo spesso li usiamo come lavoro libero, piuttosto che come investimento nella gioventù e nello sviluppo dei leader della salute del futuro.

Abbiamo già fatto alcuni passi avanti per migliorare le condizioni per i nostri tirocinanti, come dare loro un'assicurazione sanitaria, buoni pasto  e gli stessi diritti per il tempo libero come personale.

E stiamo anche considerando di pagare uno stipendio entro il 2020 agli stagisti a cui mancano le risorse finanziarie per sostentarsi.
Ma non ci fermeremo qui. Abbiamo anche in programma di rilanciare il programma di borse di studio / fellowship dell'Oms per consentire agli studenti dei paesi a basso e medio reddito di studiare all'estero”.

“Sono determinato – ha precisato Tedros - a rendere l'Oms un datore di lavoro di scelta per i giovani professionisti della salute di tutto il mondo. Parte di ciò è assicurarsi che l'Oms sia un posto sicuro dove lavorare”.

“Negli ultimi mesi – ha poi ammonito - tutti abbiamo appreso di una serie di scandali relativi a cattiva condotta sessuale che interessano un certo numero di organizzazioni umanitarie e di sviluppo.

Vorrei essere chiaro: l'Oms ha tolleranza zero per le molestie sessuali e lo sfruttamento e l'abuso sessuale. Ciò vale ovunque, dal quartier generale al più piccolo ufficio del paese. Ripeto: tolleranza zero.Ma ovviamente i nostri risultati non dipendono solo da noi”.

“Questo – ha proseguito - mi porta alla seconda chiave del successo: l'impegno politico. So per esperienza personale in politica che con il buy-in dai livelli più alti, tutto è possibile. Senza di esso, il progresso è difficile. Questo è il motivo per cui ho garantito la priorità di impegnarmi con i leader di tutto il mondo, per difendere l'azione politica sulla salute, e in particolare sulla copertura sanitaria universale.
È chiaro che i due messaggi di sicurezza sanitaria e copertura sanitaria universale risuonano a gran voce con i leader mondiali.

Alla riunione del Comitato esecutivo di gennaio, ho lanciato un invito a tutti i paesi a impegnarsi in passi concreti verso l'UHC (la copertura sanitaria universale, ndr). Molti hanno già iniziato a raccogliere la sfida”.

“Certo – ha proseguito Tedros dopo aver elencato alcuni dei paesi che hanno dimostrato il sforzo nella copertura sanitaria universale - nessun sistema sanitario è perfetto e nessun paese è uguale. Il cammino di ogni paese verso una copertura sanitaria universale è unico. Ma in tutti i paesi, la chiave è l'assistenza primaria che fornisce i servizi che le persone dicono di aver bisogno, piuttosto che i servizi che qualcun altro decide che dovrebbero avere”.

“Nel 1978, i nostri predecessori si sono riuniti ad Alma-Ata e si sono impegnati nel sogno della salute per tutti. Ma dobbiamo ammettere che quarant'anni dopo, non siamo riusciti a mantenere questa promessa.

Non è perché il sogno era troppo grande, o la promessa era troppo difficile da mantenere. È perché non siamo riusciti a prendere l'impegno politico per farlo accadere. Non capita spesso di avere una seconda possibilità, ma quest'anno ce l’abbiamo”, ha sottolineato. 

“Questa volta, non dobbiamo fallire. Il nostro incontro in Kazakistan sarà un passo fondamentale verso la riunione ad alto livello del prossimo anno sulla copertura sanitaria universale all'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Stiamo anche assistendo a un incredibile impegno politico per combattere le malattie. Per la prima volta, quest'anno l'Assemblea generale delle Nazioni Unite includerà riunioni ad alto livello su due questioni sanitarie: malattie non trasmissibili e tubercolosi.

Le persone che soffrono di queste malattie in tutto il mondo si affidano a noi: le persone che non possono ottenere le cure di cui hanno bisogno; le persone che non possono permettersi le cure di cui hanno bisogno; le persone che non sono nemmeno consapevoli di essere infettate da un agente patogeno potenzialmente letale.

Lo dobbiamo a loro, per garantire che non sprechiamo queste opportunità.
Ma raggiungere gli obiettivi del ‘triplo miliardo’ non è un lavoro per l'Oms da solo, e la volontà politica da sola non ci porterà là.
La terza chiave del successo, quindi, è la partnership.

Il grande vantaggio che abbiamo ora rispetto a 70 anni fa, o anche a 40 anni fa, è che ci sono tanti altri attori nella salute globale.
Ci sono migliaia di altre organizzazioni in tutto il mondo che condividono la nostra visione e che hanno conoscenze, abilità, risorse e reti che noi non conosciamo.

Alcuni dicono che l'Oms è minacciata a causa del numero di nuovi attori nella salute globale. Invece io dico che abbiamo più probabilità di riuscire che mai. Sfruttando l'esperienza, le competenze, le risorse e le reti dei nostri partner, il nostro impatto può essere esponenzialmente maggiore rispetto a quando agiamo da soli.

Per realizzare veramente il nostro mandato, dobbiamo rendere le nostre partnership ancora più profonde e più forti”.

“Lo stiamo facendo – ha ricordato Tedros - in molti modi diversi (e i partner Oms hanno realizzato un video per il 70 anni dell'Organiazzazione in cui ne sottolineano le peculiarità) . Abbiamo firmato nuovi memorandum d'intesa con il gruppo della Banca mondiale, l'ambiente delle Nazioni Unite, il programma di sviluppo delle Nazioni Unite e altro ancora.

Stiamo rafforzando le nostre relazioni con vecchi amici come UNICEF e Gavi e stringendo relazioni con nuovi partner come l'Institute for Health Metrics and Evaluation.

Stiamo lavorando con il Wellcome Trust su un nuovo progetto per mappare le capacità di ricerca e sviluppo a livello globale che potrebbero essere implementate per sviluppare rapidamente nuovi vaccini in caso di epidemia.

Con Gates Foundation, ora siamo più concentrati sull'assistenza sanitaria primaria come base per la copertura sanitaria universale.
Stiamo rafforzando la nostra cooperazione tripartita con la FAO e l'OIE per combattere la resistenza antimicrobica, basata su un approccio "One Health". Alla fine di questo mese firmeremo un nuovo Memorandum d'intesa tra le tre agenzie.

Stiamo lavorando con la Fondazione delle Nazioni Unite per mappare le capacità delle organizzazioni della società civile, che svolgono un ruolo fondamentale nella difesa, nella fornitura di servizi e in altri settori.

E stiamo anche coinvolgendo il settore privato, che sarà un partner cruciale nel raggiungimento della salute per tutti. 

Dobbiamo usare qualsiasi partnership, in qualsiasi modo possibile, per raggiungere il nostro obiettivo. Dobbiamo credere nelle partnership”.

“Qualche settimana – ha raccontato Tedros - fa ho ricevuto una lettera dal cancelliere della Germania Merkel, dal presidente Akufo-Addo del Ghana e dal primo ministro Solberg della Norvegia. La lettera chiede all'Oms di assumere un ruolo guida nello sviluppo di un piano d'azione globale per raggiungere una vita sana e il benessere per tutti, in vista del Vertice mondiale sulla salute a Berlino in ottobre.

La richiesta di questi tre capi di stato e di governo invia un forte segnale da parte della comunità internazionale che si aspettano una più forte cooperazione tra i partner, e che stanno guardando a noi per guidare tale processo.

L'Oms è orgoglioso di accettare questa sfida e non vediamo l'ora di lavorare con i nostri partner per sviluppare un piano ed eseguirlo. Ovviamente, ci saranno forti legami tra il piano d'azione globale e il GPW”.

Tedros è poi intervenuto nuovamente alla riapertura pomeridiana dell’Assemblea, ricordando che “il nostro obiettivo era quello di celebrare i nostri successi passati e di guardare avanti alle sfide future.

Non voglio ripetere le osservazioni che ho fatto prima, ma permettimi di reiterare i punti chiave.

Il programma generale di lavoro - il nostro piano strategico quinquennale - è un documento ambizioso concepito per focalizzare l'Oms sull'impatto nel punto in cui è più importante, nei paesi. Stabilisce una chiara missione: promuovere la salute, tenere il mondo al sicuro e servire i vulnerabili.
Al centro del GPW ci sono gli obiettivi del ‘triplo miliardo’:

1 miliardo di persone in più beneficiano di copertura sanitaria universale;
1 miliardo di persone in più sono più sicure contro le emergenze sanitarie;
1 miliardo di persone in più godono di una salute e di un benessere migliori.

Questa mattina ho detto che vedo tre chiavi per il successo: un Oms più forte, impegno politico e collaborazione.
Dei tre, la copertura sanitaria universale è la base.
 Gli investimenti nei sistemi sanitari, basati su cure primarie incentrate sulle persone, sono la chiave per migliorare la sicurezza sanitaria e raggiungere una salute e un benessere migliori per tutti, a tutte le età”.

“Tutte le strade – ha aggiunto Tedros - dovrebbero portare a una copertura sanitaria universale.
Ecco perché, nel corso della nostra riunione del Consiglio di amministrazione di gennaio, ho lanciato una sfida a tutti i paesi per impegnarsi in tre passi concreti verso l'UHC.

Certo, molti dei vostri paesi hanno già sistemi sanitari molto forti. Altri hanno recentemente fatto passi importanti in questo cammino.
Ma nessun sistema è perfetto. C'è sempre spazio per miglioramenti e ci sono sempre nuove sfide che richiedono nuove soluzioni. I guadagni possono essere facilmente persi.

UHC non avviene per caso. Ci vuole una forte leadership e un'attenta pianificazione.
Quindi la mia chiamata è perché tutti siano proattivi e anche aggressivi, per garantire che tutte le persone possano accedere ai servizi sanitari di cui hanno bisogno, senza affrontare difficoltà finanziarie.

Abbiamo tutti esperienze da condividere e lezioni da imparare”.
22 maggio 2018
Ultimi articoli in Cronache
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
452