Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 19 LUGLIO 2018
Cronache
Segui ilFarmacistaOnline
Cronache
“In Siria si fermino gli attacchi a strutture e personale sanitario”. L’appello dell’Oms. Oltre 11,3 milioni di persone hanno bisogno di assistenza sanitaria 
Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale Oms: "Ogni attacco frantuma le comunità, i sistemi sanitari, danneggia le infrastrutture e riduce l'accesso alla salute per le persone vulnerabili. L'Oms chiede a tutte le parti in conflitto in Siria di interrompere immediatamente gli attacchi contro gli operatori sanitari, i loro mezzi di trasporto e le attrezzature, gli ospedali e altre strutture mediche ". IL REPORT 2017 OMS SULLA SIRIA. 
15 MAR - Dopo sette anni di conflitto in Siria, l'Oms ha rinnovato la sua richiesta di protezione degli operatori sanitari e di accesso immediato alle popolazioni assediate.

Gli attacchi al settore sanitario sono proseguiti a un livello allarmante nell'ultimo anno.

I 67 attacchi verificati su strutture sanitarie, lavoratori e infrastrutture registrati durante i primi due mesi del 2018 rappresentano oltre il 50% degli attacchi verificati in tutto il 2017.

"Questa tragedia sanitaria deve finire", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. "Ogni attacco frantuma le comunità, i sistemi sanitari, danneggia le infrastrutture e riduce l'accesso alla salute per le persone vulnerabili. L'Oms chiede a tutte le parti in conflitto in Siria di interrompere immediatamente gli attacchi contro gli operatori sanitari, i loro mezzi di trasporto e le attrezzature, gli ospedali e altre strutture mediche ".
I sistemi sanitari vengono attaccati proprio dove sono più necessari. Si stima che 2,9 milioni di siriani vivano in posizioni dichiarate difficili da raggiungere e assediate dalle Nazioni Unite. L'Oms fornisce assistenza sanitaria a molte di queste aree, ma manca di un accesso organizzato.

Nella Ghouta orientale, circa 400mila persone hanno vissuto sotto assedio per mezzo decennio. Le scorte di base per la salute sono quasi esaurite e ora ci sono più di 1.000 persone che necessitano di evacuazione medica immediata.

"È inaccettabile che bambini, donne e uomini muoiano per infortuni e malattie facilmente curabili e prevenibili", ha affermato Tedros.

All'inizio di questo mese, oltre il 70% delle forniture sanitarie destinate a raggiungere Ghouta orientale sono state bloccate dalle autorità e rimandate al magazzino dell'Oms, anche se sono “disperatamente necessarie” per salvare vite umane e ridurre la sofferenza.

Sette anni di conflitto hanno devastato il sistema sanitario siriano. Più della metà degli ospedali pubblici e dei centri sanitari del paese sono chiusi o funzionano solo parzialmente e oltre 11,3 milioni di persone hanno bisogno di assistenza sanitaria, di cui 3 milioni vivono con ferite e disabilità.

L'Oms si impegna a garantire che le persone in tutta la Siria abbiano accesso a cure sanitarie essenziali e salvavita. L'anno scorso, l'Oms ha consegnato oltre 14 milioni di trattamenti in tutto il paese, anche attraverso servizi transfrontalieri e cross-line.

"La sofferenza della gente della Siria deve fermarsi. Esortiamo tutte le parti in conflitto a porre fine agli attacchi alle strutture, mezzi e persone che portano salute, a fornire l'accesso a tutti coloro che in Siria hanno bisogno di assistenza sanitaria e, soprattutto, a porre fine a questo conflitto devastante ", ha concluso Tedros.
15 marzo 2018
Ultimi articoli in Cronache
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
669