Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 19 OTTOBRE 2017
Cronache
Segui ilFarmacistaOnline
Cronache
Ustioni. Nel mondo provocano 180mila decessi l'anno, ospedalizzazioni e disabilità. Ecco il Piano dell'Oms per prevenirle
La maggior parte degli incidenti si verificano nei paesi a basso e medio reddito e quasi due terzi si registrano nelle regioni dell'Oms dell'Africa e del Sud-Est asiatico. In molti paesi ad alto reddito, i tassi di mortalità da ustioni sono diminuiti e il tasso di decessi infantili da ustioni è attualmente più di 7 volte superiore nei paesi a basso e medio reddito che nei paesi ad alto reddito. IL PIANO OMS PER LA PREVENZIONE DALLE USTIONI.
31 AGO - Prosegue la divulgazione dell’Oms delle sue schede sui principali problemi di salute da affrontare a livello mondiale. Questa volta tocca alle ustioni: circa 180 000 decessi ogni anno sono causate da ustioni, la stragrande maggioranza si verifica nei paesi a basso e medio reddito; le lesioni non fatali sono causa di morbilità; le ustioni si verificano principalmente nel luogo di lavoro e in casa; le ustioni sono evitabili.
Una ustione, secondo la definizione Oms, è una lesione alla pelle o di altri tessuti organici causata principalmente da calore o da radiazioni, radioattività, elettricità, attrito o contatto con sostanze chimiche.

Le ustioni termiche (calore) si verificano quando alcune o tutte le cellule della pelle o altri tessuti vengono distrutte da:
• liquidi caldi (scottature);
• solidi caldi (ustioni di contatto);
• fiamme.

Il problema
Le ustioni sono un problema globale di sanità pubblica, che provoca circa 180 000 morti ogni anno. La maggior parte di questi casi si verificano nei paesi a basso e medio reddito e quasi due terzi si verificano nelle regioni dell'Oms dell'Africa e del Sud-Est asiatico.
In molti paesi ad alto reddito, i tassi di mortalità da ustioni sono diminuiti e il tasso di decessi infantili da ustioni è attualmente più di 7 volte superiore nei paesi a basso e medio reddito che nei paesi ad alto reddito.
Ustioni non mortali sono la causa principale di morbilità, compresa una prolungata ospedalizzazione, deformazione e disabilità, spesso con conseguente stigma e rifiuto.

Le ustioni sono tra le principali cause degli anni di vita (DALY) regolati dalla disabilità, persi nei paesi a basso e medio reddito: nel 2004 quasi 11 milioni di persone in tutto il mondo sono state ustionate tanto da richiedere assistenza medica.

Alcuni dati nei paesi
• In India, ogni anno circa 1.000.000 persone sono ustionate moderatamente o gravemente.
• Quasi 173.000 bambini in Bangladesh.
• In Bangladesh, Colombia, Egitto e Pakistan, il 17% dei bambini con ustioni ha disabilità temporanea e il 18% ha disabilità permanente.
• Le ustioni sono la seconda lesione più comune nel Nepal rurale, dove rappresentano il 5% delle disabilità.
• Nel 2008, negli Stati Uniti d'America si sono verificati oltre 410.000 ferite da ustione, e circa 40.000 hanno richiesto l'ospedalizzazione.        
Impatto economico.

Nel 2000 i costi diretti per la cura dei bambini con ustioni negli Stati Uniti hanno superato i 211 milioni di dollari. In Norvegia i costi per la gestione ospedaliera delle ustioni nel 2007 ha superato i 10,5 milioni di euro.
In Sudafrica si spendono annualmente circa 26 milioni di dollari per la cura di ustioni provocate da incendi provocati da cherosene (paraffina). Anche i costi indiretti come i salari perduti, la cura prolungata per le deformità, il trauma emotivo e l'impegno delle risorse familiari contribuiscono all'impatto socioeconomico.

Chi è a rischio?
Genere
Le femmine hanno un tasso leggermente più alto di morte per ustioni rispetto ai maschi secondo i dati più recenti. Questo è in contrasto con il normale modello dove i tassi di lesioni per vari motivi tendono ad essere più elevati nei maschi rispetto alle femmine.
Il rischio più elevato per le femmine è associato all’utilizzo di fuoco per la cottura, ma anche le fiamme libere utilizzate per il riscaldamento e l'illuminazione presentano rischi e la violenza.

Età
Oltre alle donne adulte, i bambini sono particolarmente vulnerabili alle ustioni. Le ustioni sono la quinta causa più comune delle lesioni infantili non fatali.

Fattori regionali
Ci sono importanti differenze regionali nei tassi di ustione.
• I bambini di età inferiore ai 5 anni nella regione africana dell'Oms hanno più di due volte l'incidenza di morti rispetto ai bambini di età inferiore ai 5 anni in tutto il mondo.
• I ragazzi di età inferiore ai 5 anni che vivono nei paesi a basso e medio reddito della Regione orientale dell'Organizzazione hanno un rischio due volte superiore di morire di ustioni rispetto ai ragazzi che vivono nella Regione europea dell'Oms.
• L'incidenza di ferite da ustione che richiedono cure mediche è quasi 20 volte più elevata nella regione del Pacifico occidentale dell'Oms che nella regione delle Americhe.

Fattori socioeconomici
Le persone che vivono nei paesi a basso e medio reddito sono a maggior rischio di ustioni rispetto alle persone che vivono in paesi ad alto reddito. Tuttavia, in tutti i paesi, il rischio di ustioni è correlato allo status socioeconomico.

Altri fattori di rischio
Ci sono molti altri fattori di rischio per ustioni, tra cui:
• occupazioni che aumentano l'esposizione al fuoco;
• povertà, sovraffollamento e mancanza di adeguate misure di sicurezza;
• collocamento di giovani ragazze in ruoli familiari come cucina e cura dei bambini piccoli;
• condizioni mediche tra cui epilessia, neuropatia periferica e disabilità fisiche e cognitive;
• abuso di alcol e fumo;
• facile accesso alle sostanze chimiche come gli acidi;
• uso di kerosene (paraffina) come fonte di combustibile per elettrodomestici non elettrici;
• misure di sicurezza inadeguate per il gas da petrolio liquefatto e per l'elettricità.

In quali luoghi si verificano le ustioni
Le ustioni si verificano principalmente nel luogo di lavoro e in casa. Le indagini comunitarie in Bangladesh e in Etiopia mostrano che l'80-90% delle ustioni si verificano a casa. I bambini e le donne sono di solito ustionati  in cucina da liquidi caldi o fiamme o da esplosioni legate alla cottura. Per gli uomini le cause maggiori sono sul posto di lavoro a causa di incendi, scottature, bruciature chimiche ed elettriche.

Prevenzione
Le ustioni sono evitabili. I paesi ad alto reddito hanno compiuto notevoli progressi nell'abbassamento dei tassi di decesso da ustioni, attraverso una combinazione di strategie di prevenzione e miglioramenti nella cura delle persone colpite da ustioni. La maggior parte di questi progressi nella prevenzione e nella cura non sono stati sufficientemente applicati nei paesi a basso e medio reddito e l'aumento degli sforzi per farlo comporterà probabilmente una riduzione significativa dei tassi di morte e disabilità correlati alle ustioni.

Le strategie di prevenzione dovrebbero affrontare i rischi per le lesioni specifiche da scottature, l'istruzione per le popolazioni vulnerabili e la formazione delle comunità nel primo soccorso. Un piano efficace per la prevenzione dovrebbe essere multisettoriale, migliorare la consapevolezza, sviluppare e applicare una politica efficace, descrivere l'onere e identificare i fattori di rischio, impostare le priorità di ricerca con la promozione di interventi efficaci, fornire programmi di prevenzione delle ustioni.

Il documento Un piano dell'OMS per la prevenzione e la cura delle bruciature illustra in dettaglio questi  componenti.
L'Oms promuove interventi che hanno dimostrato di avere successo nel ridurre l'incidenza delle ustioni.
L'Organizzazione sostiene anche lo sviluppo e l'utilizzo di un registro globale sulle ustioni per la raccolta di dati e una maggiore collaborazione tra le reti nazionali per aumentare il numero di programmi efficaci per la prevenzione delle ustioni.
31 agosto 2017
Ultimi articoli in Cronache
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
575