Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 19 OTTOBRE 2017
Cronache
Segui ilFarmacistaOnline
Cronache
Suicidi: ogni anno quasi 800mila nel mondo. La strategia Oms per la prevenzione. In Italia tassi tra 5 e 9,9 per 100mila abitanti
Per l'Oms il suicidio è un grave problema di salute pubblica, evitabile con interventi tempestivi, spesso a basso costo. Perché le risposte nazionali siano efficaci, è necessaria una strategia multisettoriale. In Italia il tasso di suicidi per 100.000 abitanti segnalato dall’Oms è compreso tra 5 e 9,9, contro ad esempio il 10-14,9 del Nord America e di gran parte dell’Africa e superiore a 15 nella maggior parte dell’Asia. I DOCUMENTI: PREVENIRE IL SUICIDIO: UN IMPERATIVO GLOBALE; PIANO D'AZIONE SULLA SALUTE MENTALE 2013 – 2020.
29 AGO - Ogni anno quasi 800.000 persone prendono la propria vita per suicidio. L’Oms ha elaborato su questo una scheda informativa definendo prioritariamente il suicidio “una tragedia che colpisce famiglie, comunità e paesi interi e ha effetti di lunga durata sulle persone che sono rimaste”. Il suicidio è stata la seconda causa principale di morte tra i 15-29 anni in tutto il mondo nel 2015.

Il suicidio, sottolinea l’Oms, non si verifica solo nei paesi ad alto reddito, ma è un fenomeno globale in tutte le regioni del mondo. Infatti, oltre il 78% dei suicidi globali si è verificato nei paesi a basso e medio reddito nel 2015.

In Italia il tasso di suicidi per 100.000 abitanti segnalato dall’Oms è compreso nella fascia tra 5 e 9,9 (tra 3000 e 5900 individui), contro ad esempio un tasso tra 10 e 14,9 del Nord America e di gran parte dell’Africa e superiore a 15 nella maggior parte dell’Asia.

Il suicidio è un grave problema di salute pubblica. Tuttavia, i suicidi sono evitabili con interventi tempestivi, basati su prove e spesso a basso costo. Perché le risposte nazionali siano efficaci, è necessaria una strategia multisettoriale per la prevenzione del suicidio.

L'Oms riconosce il suicidio come priorità di salute pubblica. La prima relazione sul suicidio mondiale "Prevenire il suicidio: un imperativo globale" pubblicata nel 2014 punta a incrementare la consapevolezza del significato della salute pubblica e di rendere la prevenzione del suicidio una priorità assoluta nell'agenda globale per la sanità pubblica. Essa mira inoltre a incoraggiare e sostenere i paesi a sviluppare o rafforzare le strategie di prevenzione suicida in un approccio sanitario multisettoriale.

Il suicidio è una delle priorità nel programma d'azione per la salute mentale dell'Oms (mhGAP), lanciato nel 2008, che fornisce orientamenti tecnici basati su prove per aumentare la fornitura di servizi e la cura nei paesi per disturbi mentali, neurologici e di uso di sostanze.

Nel piano d'azione per la salute mentale dell'OMS 2013-2020 , gli Stati membri dell'Oms si sono impegnati a lavorare verso l'obiettivo globale di ridurre il tasso di suicidi nei paesi entro il 2020 del 10 per cento.

Inoltre, il tasso di mortalità suicida è un indicatore dell'obiettivo 3.4 degli obiettivi di sviluppo sostenibile: entro il 2030, ridurre di una terzo la mortalità da malattie non comunicabili attraverso la prevenzione e il trattamento e promuovere la salute mentale e il benessere.

Chi è a rischio
Mentre il legame tra suicidio e disturbi mentali (in particolare depressione e disturbi dell'uso dell'alcool) è ben consolidato nei paesi ad alto reddito, molti suicidi accadono in momenti di crisi per l’incapacità di affrontare lo stress per problemi come i finanziamenti, la rottura dei rapporti, il dolore cronico e le malattie.
Inoltre, sperimentare conflitti, disastri, violenze, abusi o perdite e un senso di isolamento sono fortemente associati al comportamento suicidario. I tassi di suicidio sono elevati anche tra i gruppi vulnerabili che si trovano in situazioni di discriminazione, come i rifugiati e i migranti; popolazioni indigene; lesbiche, gay, bisessuali, transgender, intersessuali (LGBTI); prigionieri.

Metodi di suicidio
Si stima che circa il 30% dei suicidi globali sia dovuto all'avvelenamento da pesticidi, la maggior parte dei quali si verifica nelle aree agricole rurali nei paesi a basso e medio reddito. Altri metodi comuni di suicidio sono l’impiccagione e le armi da fuoco.
La conoscenza dei metodi di suicidio più diffusi è importante per elaborare strategie di prevenzione che hanno dimostrato di essere efficaci.

Prevenzione e controllo
I suicidi sono evitabili secondo l’Oms. Ci sono una serie di misure che possono essere adottate a livello di popolazione, sotto-popolazione e individuali per prevenire il suicidio. Questi includono:
• riduzione dell'accesso ai mezzi di suicidio (ad es. pesticidi, armi da fuoco, determinati farmaci);
• segnalazione dei media in modo responsabile;
• introduzione di politiche per ridurre l'uso nocivo dell'alcool;
• identificazione precoce, trattamento e cura di persone con disturbi mentali e uso di sostanze, dolori cronici e disturbi emozionali acuti;
• formazione di operatori sanitari non specializzati nella valutazione e nella gestione del comportamento suicidario;
• assistenza per follow-up per le persone che hanno tentato il suicidio e la fornitura di sostegno alla comunità.
Il suicidio è una questione complessa e pertanto gli sforzi per la prevenzione richiedono un coordinamento e una collaborazione tra diversi settori della società, tra cui il settore sanitario e altri settori quali l'istruzione, il lavoro, l'agricoltura, l'impresa, la giustizia, la legge, la difesa, la politica e i media. Questi sforzi devono essere completi e integrati in quanto nessun singolo approccio può solo influire su un problema complesso quanto il suicidio.

Sfide e ostacoli

Stigma e tabù
Stigma, in particolare disturbi mentali e suicidio, significa che molte persone che pensano di prendere la propria vita o che hanno tentato il suicidio non stanno cercando aiuto e quindi non ottengono l'aiuto di cui hanno bisogno. La prevenzione del suicidio non è stata adeguatamente affrontata a causa della mancanza di consapevolezza del suicidio come un grave problema di sanità pubblica e del tabù in molte società per discuterne apertamente. Ad oggi, solo alcuni paesi hanno incluso la prevenzione del suicidio tra le loro priorità sanitarie e solo 28 paesi denunciano una strategia nazionale di prevenzione del suicidio.
Rafforzare la consapevolezza della comunità e abbattere il taboo è importante per i paesi di fare progressi nella prevenzione del suicidio.

Qualità dei dati
A livello globale, la disponibilità e la qualità dei dati sui suicidi e sui tentativi di suicidio è scarsa. Solo 60 Stati membri hanno dati di registrazione di buona qualità che possono essere utilizzati direttamente per stimare i tassi di suicidio. Questo problema dei dati di mortalità di scarsa qualità non è direttamente correlato al suicidio, ma data la sensibilità dei casi e l'illegalità del comportamento suicidario in alcuni paesi, è probabile che la sotto-segnalazione e la classificazione errata siano tra i maggiori problemi sia per il suicidio che per la maggior parte delle altre cause di morte.
È necessaria una migliore sorveglianza e monitoraggio dei tentativi di suicidio per le efficaci strategie di prevenzione. Le differenze transnazionali nelle forme di suicidio e le variazioni dei tassi, delle caratteristiche e dei metodi di suicidio evidenziano la necessità che ogni paese possa migliorare la completezza, la qualità e la tempestività dei dati relativi ai suicidi.

 
29 agosto 2017
Ultimi articoli in Cronache
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
526