Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 27 GIUGNO 2022
Cronache
Segui ilFarmacistaOnline
Cronache
Ucraina. Oms: “Più di 100 attacchi a strutture e servizi sanitari con 73 vittime e 51 feriti
Tragico bilancio dell’Oms dall’inizio del conflitto lo scorso 24 febbraio. Degli attuali 103 attacchi, 89 hanno colpito strutture sanitarie e 13 hanno colpito i trasporti, comprese le ambulanze. Gli attacchi all'assistenza sanitaria includono attacchi a strutture sanitarie, trasporti, personale, pazienti, forniture e magazzini.
11 APR -

In coincidenza con la recente Giornata mondiale della sanità del 7 aprile, l’Oms ha reso noto che proprio in quella data è stata superata una triste pietra miliare nella guerra in Ucraina: più di 100 attacchi all'assistenza sanitaria verificati dall'Oms dall'inizio della guerra il 24 febbraio. Gli attacchi finora hanno causato 73 vittime e 51 feriti.
Degli attuali 103 attacchi, 89 hanno colpito strutture sanitarie e 13 hanno colpito i trasporti, comprese le ambulanze.

Un attacco all'assistenza sanitaria è, spiega l’Oms, “qualsiasi atto di violenza verbale o fisica o ostruzione o minaccia di violenza che interferisce con la disponibilità, l'accesso e l'erogazione di servizi sanitari curativi e/o preventivi”.

I tipi di attacchi variano a seconda dei contesti e possono variare da violenza fisica, minacce psicosociali e intimidazioni all'uso di armi pesanti contro le strutture sanitarie.

Gli attacchi all'assistenza sanitaria includono attacchi a strutture sanitarie, trasporti, personale, pazienti, forniture e magazzini.

“Siamo indignati dal fatto che gli attacchi all'assistenza sanitaria continuino. Gli attacchi all'assistenza sanitaria sono una violazione del diritto umanitario internazionale", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms, in una conferenza stampa. "La pace è l'unica via da seguire. Invito ancora una volta alla Federazione Russa a fermare la guerra", ha detto.

"È un'ironia davvero triste che stiamo registrando questa pietra miliare di oltre 100 attacchi alla salute in Ucraina nella Giornata mondiale della salute", ha osservato Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell'OMS per l'Europa, che proprio il 7 aprile ha visitato l'hub umanitario di Leopoli nell'Ucraina occidentale.

“Sono stato personalmente colpito dalla resilienza e dalla forza d'animo degli operatori sanitari e in effetti del sistema sanitario stesso in Ucraina. L'Oms – ha detto Kluge - ha lavorato per garantire che le linee di rifornimento rimangano aperte per consentire la salute e le forniture mediche salvavita di raggiungere città e paesi a livello nazionale, e i continui attacchi alla salute rendono questo sforzo ancora più impegnativo".

“L'impatto di questa violenza non è solo immediato, nel numero di morti e feriti, ma anche a lungo termine nelle conseguenze per il sistema sanitario ucraino. È un duro colpo per gli sforzi del Paese di istituire riforme sanitarie e ottenere una copertura sanitaria universale, un obiettivo – ricorda l’Oms - su cui l’Ucraina aveva compiuto progressi significativi prima dello scoppio della guerra”.

"In tutta l'Ucraina, 1000 strutture sanitarie sono in prossimità di aree di conflitto o in aree di controllo modificate", ha spiegato Jarno Habicht, rappresentante dell'OMS in Ucraina sottolineando che “gli operatori sanitari in tutto il Paese stanno rischiando la vita per servire chi ha bisogno di servizi medici e loro e i loro pazienti non devono mai essere presi di mira. Inoltre, quando alle persone viene impedito di cercare e accedere all'assistenza sanitaria, o perché le strutture sono state distrutte o per paura che possano diventare un bersaglio, perdono la speranza. Il bilancio della salute mentale provocato dalla guerra non può essere sottovalutato, colpendo allo stesso modo i civili e il personale sanitario".

Ma non c’è solo l’Ucraina. Gli attacchi alla salute durante le guerre sono un fenomeno generale e dal 1° gennaio 2022, l'Oms ha verificato 160 attacchi all'assistenza sanitaria in 11 paesi e territori che hanno provocato 97 morti e 74 feriti. 

Al di fuori dell'Ucraina in questo momento, anche il Sudan sta assistendo a un recente aumento degli attacchi all'assistenza sanitaria.

11 aprile 2022
Ultimi articoli in Cronache
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
103929